Come Caffarra non ce ne sono più

È morto a 79 anni l’arcivescovo emerito di Bologna. Rispettoso e ortodosso, ma pugnace riguardo la dottrina della fede, sapeva bene che cosa si perde il mondo quando non ha più il limite di Dio e della chiesa

Come Caffarra non ce ne sono più
Il suo volto bussetano era disteso e dolce come un medaglione di Pio IX, che era di Senigallia, ma con un tratto caratteriale alla Giovannino Guareschi, che visse e si fece seppellire dalle parti dove Caffarra era nato, appunto Busseto. Carlo Caffarra, cardinale, arcivescovo emerito di Bologna, firmatario con tre confratelli porporati dei dubia, domande al Pontefice circa tre sacramenti come il matrimonio, la confessione e l’eucaristia, era un dottrinario. Oggi questo termine è sinonimo di retrogrado, di attardato, di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    07 Settembre 2017 - 09:09

    Tra l'altro, a giorni, il Cardinale Caffarra avrebbe celebrato la messa all'Angelicum di Roma in rito tridentino. Nella mia inguaribile paranoia comincio a pensare male.

    Report

    Rispondi

  • agostinomanzi

    07 Settembre 2017 - 07:07

    La chiesa ha senso solo se ha un pensiero teologico forte: esiste il primato del clero in questioni di fede e dunque ben venga il confronto ad alto livello al posto delle opinioni personali dei credenti. Da non credente trovo insopportabile l'annacquamento newage dei cristiani cattolici moderni che fanno le mie stesse cose - scelte però nella solotudine della non- fede ( sesso finalizzato al piacere, amniocentesi per orientare il prosieguo o meno di una gravidanza ecc. - e non crediate che la scelta dell'aborto non sia dolorosa e difficile) dicendo che sono "esseri pensanti" che non si appiattiscono su quello che dice la dottrina (" e poi il parroco della chiesa x, dio quanto è moderno, mi ha detto che si può fare..."). Rispetto alla sua chiosa sul rapporto tra perdono e conversione, riporta Manganelli di un dialogo tra un maestro sufi e l'allievo : "maestro, se mi pento sarò perdonato?" "No, potrai pentirti se sarai perdonato". Viva il cattolicesimo duro e puro.

    Report

    Rispondi

    • carlo schieppati

      07 Settembre 2017 - 12:12

      Pascal l'ha messa giù così, in un dialogo tra Dio e l'uomo: "Se tu conoscessi i tuoi peccati, certamente ti perderesti d'animo". "Allora mi perderò d'animo, Signore". "No, perché i tuoi peccati ti saranno rivelati nel momento in cui ti saranno perdonati".

      Report

      Rispondi

Servizi