Caffarra, il dottrinario rimasto prete

Da Newman all'alta velocità, con Caffarra ogni chiacchierata era leggendaria

Matteo Matzuzzi

Email:

matzuzzi@ilfoglio.it

Come Caffarra non ce ne sono più

Carlo Caffarra (foto LaPresse)

Roma. “Preferirei che si dicesse che l’arcivescovo di Bologna ha un’amante piuttosto che si dicesse che è contro il Papa”, diceva Carlo Caffarra rispondendo alla domanda sui suoi dubia e le differenze di vedute con Francesco circa la morale famigliare. “Sono nato papista e voglio morire papista”, chiariva scandendo bene le parole. L’abbraccio con Francesco, lo scorso inverno a Carpi, poi, aveva confermato la stima. Da grande professore qual era, tra i massimi esperti di Teologia morale sul pianeta, a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi