Tutti sconvocati

Il duo che avrebbe dovuto rinnovare la sinistra in nome delle famose istanze della base, ha revocato l’assemblea decisiva e annunciato documenti separati

Tutti sconvocati

Anna Falcone, Tommaso Montanari (foto LaPresse)

Era facile prevedere che sarebbe finita così. Anna Falcone & Tomaso Montanari, il duo che avrebbe dovuto rinnovare la sinistra in nome delle famose istanze della base, ha sconvocato l’assemblea decisiva e annunciato documenti separati. La sinistra ha vissuto disgrazie peggiori e anche oggi patisce problemi più seri delle velleità di una avvocata e di uno storico dell’arte improvvisatisi suoi federatori. La situazione si presterebbe all’ironia ma la sua prevedibilità renderebbe qualsiasi commento scontato fino alla banalità. Più utile a questo punto prendere sul serio la faccenda e notarvi una contraddizione e un dato politico significativo. La contraddizione sta nell’annullamento dell’assemblea dove, naturalmente dal basso, dovevano scaturire le decisioni finali. Non si può non notare come la sconvocazione sia avvenuta invece dall’alto, con apposito comunicato. I motivi della rinuncia sono il dato politico sul quale a sinistra converrebbe riflettere. I due autonominati federatori hanno dovuto prendere atto che nulla potevano contro pezzi di nomenclatura politica più che altro volti a garantirsi la sopravvivenza ma pur sempre più radicati di loro. Se i due hanno agito in buona fede inevitabile applicare loro la categoria del velleitarismo. Se invece avessero solo cercato un trampolino verso una candidatura ben posizionata per ora tentare di passare all’incasso separatamente, come sempre meglio fare in questi casi, non di velleità si sarebbe trattato ma di grossolano cinismo. Non si tratterebbe comunque di condannarli, piuttosto di osservare come lo stato attuale della sinistra produca anche questi danni collaterali nel suo elettorato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Dario

    Dario

    14 Novembre 2017 - 16:04

    "Documenti separati". Insomma, due relazioni di minoranza.

    Report

    Rispondi

  • agostinomanzi

    14 Novembre 2017 - 08:08

    L'unica spetanza é che la sinistra- capace-di- governo ritrovi la ragione. Forse se Emma (Bonino) parla con Pierluigi ( Bersani) - magari ricordandogli che con la liberalizzazione dei mutui ha fatto da sinistra una cosa che avrebbe dovuto fare la destra liberale (regalando agli italiani una delle poche forme di risparmio in questi anni bui), magari lo disincanta dal bolscevichismo d'accatto Massimalista.

    Report

    Rispondi

Servizi