Di Maio e “un tal Boneschi”

L'ennesima gaffe di questo politicante sarà dannosa per la popolarità elettorale del M5s? Vorrei sperarlo

Di Maio e “un tal Boneschi”

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Luca Boneschi, come suo padre Marco che durante il fascismo aderì a Giustizia e Libertà e dopo la liberazione al Partito d’azione, militò nel Partito radicale e fu eletto deputato, dimettendosi subito per poter continuare a fare l’avvocato in difesa dei diritti civili e della libertà di espressione e di organizzazione. Quel giorno da deputato gli fece avere un vitalizio che l’onorevole Di Maio ieri, con una sua dichiarazione, gli ha rinfacciato di incassare. C’è solo il problema che Luca Boneschi è morto un anno fa. Ma la gaffe di Di Maio non è il problema. Ormai ne fa una al giorno e di sempre peggiori. Il problema è di aver esemplificato, del tutto a capocchia come si è detto, parlando di “un tal Boneschi” col suo sorrisetto di immotivata sufficienza.

Facile replicare, come sui social hanno ampiamente fatto, che in ogni caso un giorno da Luca Boneschi vale più di una intera vita da Gigino Di Maio. Ancora più facile suggerirgli di leggere il bel libro di Concetto Vecchio sul caso di Giorgiana Masi, per scoprire chi fosse l’avvocato Boneschi. Molti mi dicono che per questo l’ennesima gaffe di questo politicante sarà dannosa per la popolarità elettorale del M5s. Vorrei sperarlo, ma sono convinto che se qualche elettore grillino si informerà, scoprirà di odiare Boneschi e tutto quello che rappresenta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    18 Luglio 2017 - 20:08

    Odiano a prescindere, e non hanno bisogno di informarsi perché loro sono onesti e tutti gli altri solo ladri. Sto facendone un ritratto deforme? Fate un giretto sul disqus del Falso Quotidiano e leggerete l'inimmaginabile su qualunque argomento. Bisognerà riaprire i manicomi.

    Report

    Rispondi

  • m.dimattia

    18 Luglio 2017 - 19:07

    Comunque anche questa cretinata ha avuto un effetto. Di ricordarmi un tempo diverso e concreto. Quando avevo, avevamo, pochi anni e l'impressione di partecipare alla storia che si faceva. Chi l'avrebbe detto, allora. E quale fallimento. La storia la fa 'sto scemo. Su WEB.

    Report

    Rispondi

  • quadroemerito

    18 Luglio 2017 - 19:07

    Con tutto il rispetto per Massimo Bordin, che seguo quotidianamente a RR (impensabile iniziare la giornata senza il suo rauco "....ebbuongiornoagliascoltatori"), definire gaffe le continue provocazioni di questo cialtrone è come dare un buffetto a chi invece meriterebbe uno sberlone a mano aperta. E pure io credo poco che tutto questo rappresenti un danno per il movimento, ormai ennesima autobiografia della nazione. Cordiali saluti

    Report

    Rispondi

Servizi