Digiunare per i cristiani perseguitati dai cristiani

La storia del manualetto sul sesso scritto da padre Casterman e ritirato da una scuola cattolica

Digiunare per i cristiani perseguitati dai cristiani

Padre Jean-Benoît Casterman

Oggi sono le Ceneri quindi bisogna far digiuno, carità e penitenza; in particolar modo bisogna farlo pensando ai tanti cattolici perseguitati. Ad esempio padre Jean-Benoît Casterman, al centro di uno scandalo in Francia per via del suo manuale di educazione affettiva, "Come riuscire nella tua vita sentimentale e sessuale". Il manuale di padre Casterman è stato ritirato dalla dotazione di un liceo di Neuilly a causa delle posizioni espresse riguardo a omosessualità e aborto. Da quel che si legge non è nulla di eclatante. Padre Casterman ha qualche antiquata idea psicologista riguardo all'omosessualità (dice che è colpa delle madri: ma che cosa non lo è?) e per il resto fornisce consigli di rudimentale buon senso: che tu sia maschio o femmina, qualsiasi cosa ti accada non restare solo, confida negli altri, ricorda di rispettare la vita di tutti e soprattutto non definirti esclusivamente in base all'attività sessuale, è limitativo.

 

Gli alunni sono rimasti scioccati dal manualetto, ne hanno denunciato l'omofobia e prontamente i vertici della scuola sono intervenuti per farlo sparire, rivendicando che "il progetto educativo di Sainte-Croix de Neuilly consiste nell'apertura al mondo". Meno male che si aprono: se si chiudessero, avrebbero bruciato libro e autore? E meno male che sono un liceo cattolico: per i cattolici perseguitati dai cattolici bisognerebbe fare più elemosine, pentirsi di più, digiunare di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Caterina

    Caterina

    02 Marzo 2017 - 13:01

    "Digiunare e far penitenza alle ceneri è assurdo, la carità si può farla ogni giorno". Questo è il parere comprensibile di un non religioso e lo capisco. Pero' non dovrebbe essere difficile comprendere che come nella vita laica ci sono giorni speciali (feste della donna, festa del lavoro, festa del raccolto, ecc.) celebrati da manifestazioni, raduni, cene ecc. lo stesso accade per il calendario religioso di ogni fede.

    Report

    Rispondi

  • Michele Fiorini

    02 Marzo 2017 - 10:10

    Ottimo pezzullo, dagli "amici" ci guardi Iddio...

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    01 Marzo 2017 - 21:09

    Caro Gurrado, lei parte da presupposti sbagliati. Ritengo che il suo articolo non sia rivolto ai soli cattolici in quanto il Foglio non e' un giornale confessionale. Digiunare e fare penitenza, alle ceneri, e' assurdo, carita' ' si può' farla ogni giorno. Quanto al sacerdote cacciato, spero che la sua posizione sia stata adeguatamente valutata. La Francia e', al momento, un paese libero e democratico.

    Report

    Rispondi

    • gianni.rapetti

      02 Marzo 2017 - 12:12

      Gia' digiunare (senza bere acqua o altro) durante il giorno per 20 giorni di fila durante il Ramadan e' forse altrettanto assurdo, ma a dirlo forte credo che in Francia uno si becchi un'accusa di islamofobia.

      Report

      Rispondi

  • ghespo

    01 Marzo 2017 - 17:05

    Infatti è proprio una tragedia e nessuno delle alte sfere dice nulla....Troppo impegnati nell'ecumenismo (sic!)

    Report

    Rispondi

Servizi