Da Gabanelli a Ranucci: vent'anni di propaganda anti vaccini

Quelle ben poco casuali omissioni nelle perniciose inchieste di Report

Luciano Capone

Email:

capone@ilfoglio.it

Da Gabanelli a Ranucci: vent'anni di propaganda anti vaccini

Sigfrido Ranucci in un frame dalla puntata di Report del 17 aprile 2017 (via RaiPlay)

Roma. “Questa inchiesta non è contro l’utilità dei vaccini”, è stato il preambolo di Sigfrido Ranucci al servizio di Report contro il vaccino anti papilloma virus (Hpv), impiegato per combattere lo sviluppo del cancro del collo dell’utero. Una premessa che ricorda quella che spesso viene fatta da chi ce l’ha con gli extracomunitari: “Non sono razzista, c’ho pure un amico negro, però questi stranier…”. La trasmissione di Rai 3 ha fatto un mischione in cui denuncia l’assenza di trasparenza dell’Ema,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Aprile 2017 - 11:11

    al " Non sono razzista......però.." di Luciano Ccapone aggiundo la splendida battuta di un trio di comici napoletani di molti anni fa " Io non sono razzista sono loro a essere napoletani ".Questa la logica di questa zavorra che denuncia anche il sorgere del sole come mistificazione

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    19 Aprile 2017 - 10:10

    Dire che in queste 'denuncie' c'è sempre un pizzico di malizia è esagerato ? L'espressione corretta è un 'altra ma i destinatari potrebbero prendere cappello e indignarsi e gridare che la libertà di parola è violata al bavaglio e correre ad aggrapparsi alla toga di un giudice forse quello che ha assolto Erri De Luca che pure non l'aveva raccontata giusta . Gli è che uno disse che avrebbe dato la vita per permettere ad un altro di avere la libertà di esprimere il proprio pensiero un altro disse pure che quante volte in nome della libertà si commettono crimini. O no?

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    19 Aprile 2017 - 10:10

    Senza entrare nel merito della questione, ritenendomi ignorante in materia e non correttamente informato dall'incompetenza dei media e dalla confusione generata, forse anche voluta o sponsorizzata, fra i diversi tipi di vaccino, mi limito a rilevare in questo dibattere la componente di ribellione all'inevitabile e necessario protocollo sanitario che ci rende simili ai tacchini di allevamento. Evidentemente pensavamo che la scienza ci portasse alla libertà assoluta e la diversa percezione della realtà ci rende tutti un po nervosi.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    19 Aprile 2017 - 08:08

    Leggo oggi che gli Stati Uniti hanno inserito l'Italia nell'elenco dei paesi a rischio per il morbillo consigliando i propri cittadini ad estrema prudenza e "sic" ad evitare contatti corporei. Naturalmente reputo eccessiva una scelta del genere e tuttavia non posso non considerare come per colpa di un discreto numero di imbecilli e dei criminali incoscienti, giornalisti, politici e qualche sparuto operatore sanitario, che li incoraggiano, ne vada di mezzo l'immagine del nostro paese che è ai vertici mondiali per quanto riguarda l'assistenza sanitaria, la ricerca farmacologica e l'altissimo livello di longevità. E visto che la situazione sta diventando veramente allarmante sia sul piano sanitario sia sul piano dell'immagine internazionale chiedo che il governo introduca provvedimenti che vietino l'iscrizione scolastica ai bambini non vaccinati o comunque la loro immissione solo in classi separate in modo da non costituire un pericolo per gli altri alunni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi