Com'è possibile che qualcuno compri macchine diverse dalla 500?

In tempi di nichilismo, le Fiat 500 consentono commoventi dichiarazioni di fedeltà

Com'è possibile che qualcuno compri macchine diverse dalla 500?

Qualcuno mi spieghi com’è possibile che qualcuno compri macchine diverse dalle Fiat 500. Posso capire chi compra Range o Rolls o Bentley: tre marchi davanti ai quali ci si può solo inchinare. Ma, scendendo fra i comuni mortali, com’è possibile che qualcuno compri una Ford o una Opel o una Renault potendo portarsi a casa una 500 o una 500 L o una 500 X? In tempi da incubo, le 500 rinnovano il sogno italiano: ci sali e ritorni al boom economico e tiri le marce e senti che il pil sta aumentando dell’8%. In tempi di deculturazione, sono un esempio di tradizione vitale: icone in continuo movimento e aggiornamento. In tempi di culle vuote, sono famiglia e famiglia numerosa: ogni versione ha la sua spiccata personalità eppure sono molto evidentemente tutte sorelle e tutte figlie dell’ava anni Cinquanta (la più familista è la L Wagon che avendo addirittura sette posti sembra pensata per le famiglie neocatecumenali, speranza demografica del cattolicesimo nazionale). In tempi di invasione, le 500 sono prodotte in aree fra le più monoculturali d’Europa: la piccola in Polonia, la L in Serbia, la X nella mia Basilicata. In tempi di nichilismo, consentono commoventi dichiarazioni di fedeltà: ieri la lettera di Lapo per i sessant’anni dalla nascita, domani il grande raduno delle vetture storiche a Garlenda (Savona). Com’è possibile rinunciare a tanto passato e a tanto presente, alle linee retrofuturiste, ai colori splendidi (elegantissime le livree bicromatiche), alle capote in tela, ai tetti apribili e ai tetti panoramici che triplicano l’estate? Qualcuno me lo spieghi, anzi no, lasci perdere, non ci riuscirebbe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • don camillo

    06 Luglio 2017 - 22:10

    Forse il prezzo ? Famiglia numerosa : Dacia spaziosa ed economica. Mi piace la tradizione ma il portafoglio vuole la sua parte.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    06 Luglio 2017 - 11:11

    L'ava, la capostipite, guardatela bene, ha gli occhi vispi di chi vuole osare, di chi è indomabile. Un motore che non si fermava mai ed una carrozzeria che era considerata dai carrozzieri fra le più solide di allora. Non io ( e ancora me ne pento) ma tre miei amici andarono da Palermo a Capo Nord e l'anno dopo sempre con lei che nel frattempo aveva assunto il nome di "jasmine" presero il traghetto che da Trapani portava a Tunisi, da lì passarono in Algeria e poi in Marocco scesero fino ad Uarazazate, risalirono fino a Gibilterra, quindi Spagna, Costa Azzurra, Italia da Nord a Sud, infine Palermo. Non un guasto, non un intoppo in due mesi di viaggio. Uno dei tre poco tempo fa se n'è andato e qualche giorno prima di ... be' aveva i lucciconi ricordando l'impresa. Jasmine è ancora nel garage di uno dei tre, sempre con gli occhi vispi ed il piglio indomabile di chi è pronta ad una nuova avventura.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    06 Luglio 2017 - 09:09

    Caro Camillo, solo una curiosità. Ti leggo sul web, ma com'è che ogni tanto la tua Preghiera appare sempre la medesima per più giorni. Per la verità cio' accade anche con la rubrica Andrea's. Misteri dell'informazione informatizzata?

    Report

    Rispondi

Servizi