Via libera al Rosatellum. Cronaca di una giornata tra gli sfascisti

Un pomeriggio da intrufolati in mezzo al surreale situazionismo grillino

Email:

allegranti@ilfoglio.it

Via libera al Rosatellum, l'emergenza democratica era uno scherzo

Ettore Rosato (foto LaPresse)

Roma. I Cinque Stelle avevano bisogno di uscire dal Palazzo, tornare in piazza, far vedere alla gggente che li chiama per nome (“Grande Virginia! Grande Ale! Grande Nicola!”) e chiede l’autografo e fa firmare a tutti una bandiera del movimento che niente è cambiato. Che nonostante le diete (Vito Crimi è un figurino), i capelli stirati (Paola Taverna ha presenza telegenica) e pure una certa scioltezza da cultura alta non del tutto compresa (Nicola Morra cita sempre Weber ma i...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • plutotto

    13 Ottobre 2017 - 12:12

    Ormai il 5 stelle e MDP cantano all’unisono quindi gratta il 5 stelle e sotto ci trovi sempre loro, i comunisti !

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    12 Ottobre 2017 - 21:09

    Finalmente!!!!

    Report

    Rispondi

Servizi