Il candidato Bersani

Pisapia è l’uomo dei sogni, a sinistra, ma se Pisapia non dovesse correre? L’idea c’è: candidare l’ex segretario Pd

Il candidato Bersani

LaPresse/Fabio Cimaglia

Salottino di La7, Roma, via Novaro. Pochi minuti dalla messa in onda di un talk estivo. Qualche tramezzino sul tavolino. Una mezza bottiglia di Coca-Cola. Il caldo si fa sentire, la speding review di Cairo anche. Alfredo D’Attorre, deputato, ex Pd, ex segreteria Bersani, ora Mdp, uno dei primi scissionisti del Pd, sorseggia un bicchiere d’acqua. Breve scambio di battute. Cordiale. Gentile. Gli si chiede: “E Pisapia?”. Ci risponde: “Da qui a ottobre c’è tempo, vediamo cosa sceglierà di fare”. Gli si replica: “Sì, ma senza un candidato premier, per quanto possa valere un candidato premier, come fate a costruire un’alternativa al Pd?”. Ci risponde: “Ma il candidato premier, in ogni caso, c’è”. C’è? “Ci sarà”. E chi sarà? “Verrà scelto dalla nostra base, con un processo democratico”. E il nome? “Un nome c’è”. D’Alema? Pausa. Ok, non è D’Alema. Speranza? Ok. E chi è? “Il nome forte resta quello di Pier Luigi”. Bersani? “Se c’è qualcuno che rappresenta bene la nostra area, per un progetto unitario, il nome forte è lui. Ma vediamo. Il tempo c’è”. Bersani candidato premier. Cinque anni dopo di nuovo lui. L’idea c’è. Il senso pure. Il risultato si vedrà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Agosto 2017 - 00:12

    No, cara Redazione: riesumare Bersani significa che non ci sono né idea, né senso. Scusate eh, ma non basta e avanza, per capirlo, la fisiognomica del cereo D'Attorre?

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    10 Agosto 2017 - 13:01

    le comiche finali. Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    10 Agosto 2017 - 12:12

    Al Pd hanno traveggole . Avevano un fenomeno , Bersani , un Pelè o Mardona della politica e hanno messo Renzi ,un farfallone, ora rivogliono Bersani . Parola di D'Attore aspirante filosofo e comunista d'antàn . E' lo stesso rituale degli allenatori nel calcio.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    10 Agosto 2017 - 10:10

    Lasciamo perdere per una volta le acrobazie di Bersani e Pisapia e cambiamo circo. A leggere le cronache del tour preelettorale estivo di Renzi, par di capire che dopo le elezioni, se mai dovesse esser costretto ad un nuovo pranzo ad Arcore, almeno gli saranno risparmiate le battute di Berlusconi su quel comunistaccio livornese di Allegri. Il Cav. Infatti non e' più padrone del Milan, e mister Allegri allena la Juventus. Ovvero la squadra di Elkann, che però pare di questi tempi sia più interessato a comprarsi l'impero editoriale gia' dell'Ing. De Benedetti che a quel comunistaccio livornese. Chissà mai sia questo l'argomento di centro del prossimo pranzo di Arcore, se mai ci sarà. Comunque Grillo permettendo, s'intende. Par di capire, infatti che anche le elezioni, come i rigori, per restare al tema Allegri, sono sempre una lotteria.

    Report

    Rispondi

Servizi