L'umanitarismo che crea un mondo di vittime

I cordoni umanitari erano soluzioni estreme per la salvezza delle vite umane, ora sono la bandiera per il disconoscimento del conflitto, per la soppressione di ogni capacità di reagire

L'umanitarismo che crea un mondo di vittime

Operazioni di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo

Un risvolto dell’umanitarismo ideologico, che non riguarda quello pratico, costruttivo, sapiente e capace di compromessi, è la totale deresponsabilizzazione del mondo di sotto, dei perdenti della civilizzazione, di coloro che non hanno istruzione, cultura, forza morale per ribellarsi alle condizioni in cui vivono fra estrema povertà, debolezza, esposizione alla furia della guerra. Per loro sarà sempre così - è l’ideologia che parla e condanna biblicamente interi popoli al loro destino di profughi – non ce la possono fare, non possiamo dargli una mano altro che incentivando la loro fuga, non per lucro come gli scafisti ma per spirito di soccorso e accoglienza umanitaria, appunto. Siamo la razza dei colonialisti, del mondo postcoloniale, abbiamo inferto colpi definitivi a questi popoli, abbiamo portato via loro la testa per pensare, il cuore per battersi, la solidarietà per unirsi e colpire i nemici della pace e della convivenza civile, e ora possiamo solo riscattarci trasformando se possibile il Mediterraneo in un’autostrada sicura per i porti italiani, invece che in una trappola mortale. E in questo siamo così fieri e intransigenti da rifiutare codici di controllo, autorizzazioni, presenze armate: tutto deve essere limpidamente nutrito di ideologia umanitaria pura, senza opportunismi, senza concedere niente al problema del controllo delle migrazioni forzose. Per certi umanitari estremisti quella dei popoli africani e mediorientali è solo una grande transumanza, esseri umani destinati al macello che i loro assassini e i loro salvatori trattano però come bestie, popoli che dobbiamo portare nei pascoli verdi della nostra speranza ad ogni costo, ieri dannati della terra in rivolta, oggi una specie di vivente non umano e non responsabile da caricare e scaricare in mare.

 

Un milione di siriani, famiglie guidate da giovani uomini con i vecchi, bambini, donne che compongono il loro nucleo vitale, hanno trovato asilo in Germania dopo una lunga fuga. E’ un bene, ma nessuno ha voluto ricordare che così la Siria è morta, il popolo profugo, anche quello in grado di organizzarsi e di combattere, ha lasciato il campo alle caste armate del potere assadista e ai ribelli islamici, non c’è e non ci sarà posto per chissà quanti anni per un soggetto di liberazione e di ricostruzione fatto della gente che ora sta tra Francoforte, Dortmund, Amburgo, Monaco o Berlino dopo averci fatto giustamente appassionare in una lunga scia umanitaria di comprensione, di pietà. Se i venezuelani invece di farsi sparare e affamare dal socialismo di stato chavista prendessero a milioni la via di fuga, e smettessero di combattere in una situazione di penuria umanitaria e di pericolo per certi versi altrettanto tragica di quella siriana, noi saremmo umanitaristicamente felici per il successo del cordone sanitario, ma il Venezuela e il suo possibile futuro sarebbero morti, tutto rimarrebbe nelle mani dei maduros e di minoranze d’opposizione impotenti.

 

Quando in Spagna i franchisti insorti contro la Repubblica cominciarono a fucilare la gente, ci fu l’appello alla solidarietà e alle Brigate internazionali, non l’apertura di un cordone umanitario per la fuga tra le vette dei Pirenei. E di questi tempi la svolta ideologica impone che se i tiranni e i capitribù ti sparano e ti macellano tu condanni il traffico d’armi, predichi la fuga e il rifiuto della guerra, e costruisci un mondo di vittime deresponsabilizzate a prescindere, come si dice, per definizione. Una volta i cordoni umanitari erano tali, soluzioni estreme per la salvezza delle vite umane, ora sono la bandiera per il disconoscimento del conflitto, per la soppressione di ogni virtù e di ogni capacità di reagire da parte delle vittime con la solidarietà attiva dei più forti d'occidente, perché la Vittimizzazione universale, lo sappiamo, è la grande polvere di stelle culturale ed etica di cui si fanno belli certi ingenui o furbissimi umanitari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • demartinoale

    07 Agosto 2017 - 15:03

    Purtroppo manca un pezzo. Chi "salva" loro vuole anche, contemporaneamente, salvare noi - da noi stessi, dalla nostra ricchezza e mancanza di umanità. È una grande livella quella che l'umanitarismo ideologico sogna, compassionevole verso gli sfortunati, redentoria verso i troppo ricchi: un riequilibrio a doppio effetto.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    07 Agosto 2017 - 07:07

    Caro Giuliano, tutto vero e giusto. Con una nota malinconica. Da noi di umanitarismo e solidarietà in migliaia ci campano pure. Come a dire che un contributo alla lotta alla disoccupazione viene pure, in quanta parte lo diranno le statistiche se le renderanno pubbliche, dall'industria dell'accoglienza, organizzata per lo più in forma cooperativa. Come a dire più migranti, più occupati.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    06 Agosto 2017 - 19:07

    La Siria è una cosa e chi l'ha destabilizzata lo conosciamo. Altro è l'Africa. Tutto vero e buttiamoci per terra e spochiamoci tutti su un passato tremendo di carneficine e sfruttamento minerario che peraltro ancora continua ma farli arrivare come vediamo non ha senso se non quello di destabilizzare il già destabilizzato nel nostro paese. Oggi quei disgraziati li cacciano i loro compatrioti peggio dei colonialisti e l'Africa per vari motivi non ha mai trovato al suo interno una via di uscita dal caos che la distrugge da sempre. Tornando al punto questo flusso fuori controllo va fermato. Come? In ogni modo possibile. Poi le logiche, le verità, le coscienze lavate o sporche si vedranno e le analizzeranno gli storici ma questa illogica invasione va fermata. Gli africani i cinesi non li importano in Cina ma in Africa vi si esportano loro stessi ed il surplus lo mandano da noi. Questo per dire che il mondo si muove in logiche economiche ed imperiali e noi continuiamo a pietirci. Sveglia.

    Report

    Rispondi

  • pg.to

    06 Agosto 2017 - 18:06

    Giustissimo. Da molto tempo non mi ero trovata così d'accordo con l'Elefantino!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi