L'umanitarismo che crea un mondo di vittime

I cordoni umanitari erano soluzioni estreme per la salvezza delle vite umane, ora sono la bandiera per il disconoscimento del conflitto, per la soppressione di ogni capacità di reagire

L'umanitarismo che crea un mondo di vittime

Operazioni di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo

Un risvolto dell’umanitarismo ideologico, che non riguarda quello pratico, costruttivo, sapiente e capace di compromessi, è la totale deresponsabilizzazione del mondo di sotto, dei perdenti della civilizzazione, di coloro che non hanno istruzione, cultura, forza morale per ribellarsi alle condizioni in cui vivono fra estrema povertà, debolezza, esposizione alla furia della guerra. Per loro sarà sempre così - è l’ideologia che parla e condanna biblicamente interi popoli al loro destino di profughi – non ce la possono fare, non possiamo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • demartinoale

    07 Agosto 2017 - 15:03

    Purtroppo manca un pezzo. Chi "salva" loro vuole anche, contemporaneamente, salvare noi - da noi stessi, dalla nostra ricchezza e mancanza di umanità. È una grande livella quella che l'umanitarismo ideologico sogna, compassionevole verso gli sfortunati, redentoria verso i troppo ricchi: un riequilibrio a doppio effetto.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    07 Agosto 2017 - 07:07

    Caro Giuliano, tutto vero e giusto. Con una nota malinconica. Da noi di umanitarismo e solidarietà in migliaia ci campano pure. Come a dire che un contributo alla lotta alla disoccupazione viene pure, in quanta parte lo diranno le statistiche se le renderanno pubbliche, dall'industria dell'accoglienza, organizzata per lo più in forma cooperativa. Come a dire più migranti, più occupati.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    06 Agosto 2017 - 19:07

    La Siria è una cosa e chi l'ha destabilizzata lo conosciamo. Altro è l'Africa. Tutto vero e buttiamoci per terra e spochiamoci tutti su un passato tremendo di carneficine e sfruttamento minerario che peraltro ancora continua ma farli arrivare come vediamo non ha senso se non quello di destabilizzare il già destabilizzato nel nostro paese. Oggi quei disgraziati li cacciano i loro compatrioti peggio dei colonialisti e l'Africa per vari motivi non ha mai trovato al suo interno una via di uscita dal caos che la distrugge da sempre. Tornando al punto questo flusso fuori controllo va fermato. Come? In ogni modo possibile. Poi le logiche, le verità, le coscienze lavate o sporche si vedranno e le analizzeranno gli storici ma questa illogica invasione va fermata. Gli africani i cinesi non li importano in Cina ma in Africa vi si esportano loro stessi ed il surplus lo mandano da noi. Questo per dire che il mondo si muove in logiche economiche ed imperiali e noi continuiamo a pietirci. Sveglia.

    Report

    Rispondi

  • pg.to

    06 Agosto 2017 - 18:06

    Giustissimo. Da molto tempo non mi ero trovata così d'accordo con l'Elefantino!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi