Tonini ci spiega perché serve il bipolarismo con Forza Italia

Il senatore Pd: "Resta il problema di dare un assetto stabile alla democrazia. Il dialogo con il centrodestra serve"

Tonini ci spiega perché serve il bipolarismo con Forza Italia

Il senatore Pd Giorgio Tonini (foto LaPresse)

Roma. Il fronte anti M5s spaventa Grillo, che oggi ha attaccato il presidente dei senatori del Pd Luigi Zanda per l’intervista al Foglio. Il senatore Giorgio Tonini (Pd) condivide le parole del collega. “Le sue riflessioni mi convincono. Io proverei a mettere in evidenza due punti che mi sembrano importanti nel ragionamento del rapporto nostro con Forza Italia. Punto primo: non dobbiamo rassegnarci all’idea che ci debba essere un bipolarismo fondato sulle forze democratiche, più o meno tradizionali, ed europeiste, da una parte, e su queste nuove forze anti-sistema, anti-europee, dall’altra parte”. Questa lettura, aggiunge Tonini, “ha molti tratti di realismo, perché in diversi paesi europei è così. Se guardiamo in questo momento al paese che è un esempio di stabilità e di forza economica, la Germania, da dodici anni si regge, e probabilmente sarà così anche nei prossimi quattro, su un accordo di governo tra la Cdu e l’Spd. Nello stesso tempo, però, non si dovrebbe abbandonare la speranza che queste due forze possano ricostituire, in tempi speriamo non troppo lunghi, i due campi nei quali un bipolarismo virtuoso deve organizzarsi e strutturarsi, un bipolarismo più convergente e meno esasperato di quello attuale”.

Punto secondo del ragionamento di Tonini: “Dobbiamo partire dal fallimento principale di questa legislatura, cioè la rottura tra noi e il centrodestra su Mattarella e la riforma costituzionale. Su Mattarella mi sembra che si sia già ricostituita una unità di fondo; non mi pare che il centrodestra sia in atteggiamento polemico o di contestazione verso il presidente della Repubblica. Non penso sia stata l’elezione di Mattarella a provocare la rottura, ma piuttosto la crisi elettorale nella quale il centrodestra si era infilato, proprio a causa della collaborazione stretta con il Pd e con Renzi. Nelle coalizioni tra diversi c’è chi ci guadagna e chi ci perde”. In passato, argomenta Tonini, “era sempre stato Berlusconi a trarre profitto elettorale dalle fasi di dialogo. Poi Renzi e il Pd avevano provocato una rottura di questo equilibrio. La riforma costituzionale è stata dunque approvata senza consenso del centrodestra, e questa è stata una delle ragioni a decretare la sconfitta al referendum”.

Un fronte anti Grillo

Il presidente dei senatori del Pd ci spiega perché anche i Democratici devono sperare in Forza Italia

 

Ora, dice Tonini, “dobbiamo ripartire da qui: il problema di dare un assetto stabile alla democrazia italiana resta. Ci avviciniamo a una scadenza elettorale che, al più tardi nel 2018, ci consegnerà con tutta probabilità un parlamento incapace di esprimere un governo, se non attraverso faticose mediazioni tra partiti diversi. Dunque nella prossima legislatura tornerà d’attualità un confronto tra centrodestra e centrosinistra. Avendo fallito il tentativo di razionalizzare il nostro sistema, tornerà anche d’attualità la via semipresidenziale e il modello francese. Dipenderà anche dall’esito delle elezioni in Francia. Io penso che questo potrebbe dare un respiro strategico al dialogo tra centrodestra e centrosinistra, per costruire un assetto diverso al sistema politico-istituzionale. Penso che ci vorrebbe l’elezione diretta del presidente della Repubblica e un doppio turno di collegio, con una Camera sola e non due. Insomma, c’è molto su cui lavorare con il centrodestra”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    14 Aprile 2017 - 08:08

    Caro Tonini, mi rifiuto di credere che lei non sappia che la scelta di non concordare con Berlusconi il candidato alla Presidenza della Repubblica, e dunque di rompere il patto del Nazareno, fu tutta e solo di Renzi. E sottintese la scelta di governare con Alfano, Verdini ed i transfughi di altre liste centriste in via di vergognosa dissoluzione. Tutto ciò che e' accaduto dopo e' semplicemente conseguenza di quella scelta ad un tempo politicamente arrogante e rischiosa, compresa la sonora sconfitta al referendum. Per un lungo tempo Renzi ha avuto a disposizione una forza straordinaria. Le dure repliche della cronaca se non della storia dimostrano che purtroppo l'ha usata tanto male da portarci al rischio di consegnare democraticamente il paese ai grillini. Il Renzi attuale non mi pare dia segni d'aver compreso la lezione. E per quel che mi riguarda apprezzo che il Foglio dia ampio rilievo e spazio alle analisi ed ai ragionamenti suoi, di Zanda e Maran politicamente molto sensati.

    Report

    Rispondi

Servizi