Tempa rossa a pagina undici

Hanno speculato su un’inchiesta costruita sul nulla per demolire i ministri (“la sguattera”). Ora la procura chiede l’archiviazione, ma per i giornali la notizia non c’è. E non è una notizia

Tempa rossa a pagina undici

L'ex ministro Federica Guidi (foto LaPresse)

Dopo l’ennesimo caso di un’inchiesta spuntata dal nulla, basata sul nulla, fondata sul nulla ma che ha prodotto, dal nulla, significative conseguenze politiche anche grazie al sostegno del circo mediatico-giudiziario, la notizia è ancora una volta che la notizia purtroppo non c’è. Non c’è la notizia in senso letterale, non c’è la notizia neppure in senso lato. Ci avrete fatto caso anche voi: la storia dell’archiviazione chiesta dalla procura di Roma per l’ex compagno di Federica Guidi – venne indagato nell’ambito dell’inchiesta su Tempa Rossa – sui giornali di ieri, tranne qualche piccolo boxino (il Corriere a pagina 11) o qualche microscopico articolo ben nascosto nelle pagine interne (il Fatto a pagina 9), praticamente non c’è. Non c’è la notizia, e purtroppo non è una notizia, e non ci sono neppure le scuse di chi ha speculato a lungo su quella non notizia – e purtroppo neppure questa è una notizia. Eppure, nell’aprile di un anno fa, la notizia trovò molto spazio sulle prime pagine dei giornali. E si capisce perché: a pochi giorni dal referendum sulle trivelle, un’inchiesta sui petrolieri brutti e cattivi era quel che ci voleva per dare un po’ di pepe a una campagna referendaria altrimenti poco accattivante e per provare a consegnare agilmente un primo avviso di sfratto al governo Renzi. In quell’occasione, come spesso accade, quasi tutti i giornali si travestirono da diligenti postini delle procure e nessuno si fece scrupolo sia a trasformare un avviso di garanzia in una sentenza di condanna sia a trasformare il verbo “spunta” in un derivato di un avviso di garanzia. Titolo di prima pagina di Repubblica del primo aprile 2016: “Petrolio e appalti, Guidi si dimette. Tradita dalle telefonate al fidanzato. E cita la Boschi”. Titolo di prima pagina del Giornale del primo aprile 2016: “La ministra garantiva gli affari del suo uomo. Tirati in ballo Renzi e Boschi”.


I titoli dei giornali del primo aprile 2016


Quel giorno, il primo aprile del 2016, abbiamo scoperto che essere citati al telefono da una persona indagata, pur non essendo indagati, equivale a essere complici di un reato. E quando un giornale scrive “citato” o “tirato in ballo” o “spunta” esattamente quello sta provando a fare: sputtanare non solo chi è indagato ma anche chi non è indagato, seguendo così non una pista di un’indagine ma il tentativo di una procura di “coinvolgere” chicchesia nell’ambito di un’inchiesta anche in mancanza di prove.

 

Per sputtanare l’ex ministro Guidi e il suo compagno, nessun giornale in quei giorni ha esitato a pubblicare anche le intercettazioni penalmente non rilevanti offerte come dei supplì dai magistrati ai giornalisti – “Mollami, non mi puoi trattare come una sguattera del Guatemala” – e nessuno dunque pagherà nulla per uno sputtanamento gratuito e nessuno chiederà scusa per aver giocato con la privacy degli altri. Ma allo stesso modo nessuno dirà nulla rispetto a quello che successe qualche giorno dopo l’apertura di quell’inchiesta. Ovvero, ricorderete, quando l’allora ministro Maria Elena Boschi venne interrogata dai pm di Potenza per accertamenti relativi al suo interessamento su un emendamento inserito nella legge di Stabilità 2015.

Perché pubblicare la spazzatura sui giornali non è un atto dovuto

Scegliere di trasformare i giornali in una Malagrotta dell’informazione si può evitare. Ma non si fa.

Nessun giornale, tranne quello che state leggendo, notò la gravità di un fatto elementare: un magistrato che mette in discussione le discrezionalità delle scelte politiche di un ministro, per di più non indagato, non sta agendo per far rispettare la legge ma sta entrando in modo gratuito nel merito di un processo legislativo sul quale semplicemente non dovrebbe mettere bocca. E invece nulla: fecero tutti finta di niente, Boschi venne interrogata in grande stile a Largo Chigi dal pool dei magistrati di Potenza (che per l’occasione si dimenticarono di portare il computer), Guidi venne sputtanata in tutti i modi possibili e immaginabili, il suo compagno pure, Grillo creò molti hashtag per infangare i ministri “coinvolti” (#BoschiFacceRide), i presunti garantisti del centrodestra utilizzarono quell’inchiesta come una clava per colpire il governo Renzi (“Il conflitto di interessi è la malattia mortale di questo esecutivo”, disse Brunetta), il Corriere della Sera vergò severi editoriali in prima pagina per dimostrare che la sguattera del Guatemala era il simbolo di un governo losco e minaccioso, i gazzettieri delle procure diedero spazio all’accusa senza concedere nulla alla difesa e tentando di tradurre in voti per il No alle trivelle l’assalto giudiziario, tutti o quasi sputtanarano in modo gratuito la più grande azienda italiana (l’Eni) accusando Descalzi e compagnia di essere avvelenatori di pozzi e il risultato, a otto mesi da quelle indagini, è quello che vedete oggi: boxini infilati a pagina 11, giornali che non danno conto della notizia (Repubblica), altri che ironizzano sull’esito dell’inchiesta (il Fatto: “La procura di Roma chiede di archiviare tutti, anche il compagno dell’ex ministro Guidi. O il Codice è bucato o i pm si sono distratti”).


La notizia dell'archiviazione dell'indagine sull'ex compagno dell'ex ministro Guidi come è stata raccontata ieri dai giornali


La notizia purtroppo non c’è, non la troverete, e purtroppo non è una notizia: quando c’è da sputtanare si aprono le prime pagine, quando c’è da archiviare si aprono i boxini, calano i sipari e cascano le braccia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • DioC'é?

    18 Giugno 2017 - 18:06

    trovo sia un articolo mollto bello e al contempo drammatico. qui si racconta quello che è stato un tentativo, riuscito, di influenzare la politica, atraverso le inchieste giudiziarie. e nessuno pagherà, come nessuno chiederà scusa a quelle che sono a tutti gli effetti, vittime. trovo che sia un qualcosa di profondamente antidemocratico.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    13 Gennaio 2017 - 12:12

    Per il vero si dovrebbero cospargere il capo anche Renzi e compagni, sensibili alle comunicazioni giudiziarie. Del resto è sempre così: in Italia vige la sindrome della comunicazione giudiziaria ormai dal 1994, vale per la stampa in generale e anche per la classe politica, davvero inadeguata che si riempie la bocca di garantismo e poi razzola male.

    Report

    Rispondi

    • DioC'é?

      18 Giugno 2017 - 18:06

      incredibile come qualcuno riesce sempre a tirare in ballo renzi. e questo è uno degli atteggiamenti proprio descritti in quest'articolo.

      Report

      Rispondi

  • carlo.trinchi

    12 Gennaio 2017 - 14:02

    Questa è mala giustizia e finché non verrà riformata, copiata ad un paese europeo, non ne usciremo mai. Sono almeno trent'anni che andiamo avanti con scandali fasulli e giornali infami che pubblicano infamità per vendere e screditare il governo in carica. Mafia capitale una bufala da quattrosoldi ed avremo un processo su quattro ladruncoli spacciati per grande mafia che la fa da padrona. I giornali dovrebbero dare la prima pagina alla Guidi e criticare fortemente questo modo di fare giustizia ma sono loro, i giornali, che da sempre sguazzano nella mondezza giudiziaria di quattro pm d'assalto sempre impuniti. La Riforma della giistizia? Non la vuole nessuno, a questi politici va bene cosi ed il popolo vota no ad una riforma costituzionale che se anche incerta almeno dava una spallata a quell'ammasso di parlamentari incapaci ma ben pagati. La tristezza? Tra un anno non sarà cambiato nulla ed altre vergone si assommeranno a questa con il silenzio di tutti, in primis il popolo.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    12 Gennaio 2017 - 12:12

    Caro direttore, ad iniziative disinvolte della magistratura e di certa stampa dovrebbero corrispondere reazioni meno concilianti, in questo caso quella del governo allora in carica. Se la Guidi era un ministro capace, per quale motivo provocarne le dimissioni, sacrificandola sull'altare delle trivelle.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi