L’ALTRA META’ DELLA STORIA

di Ritesh Batra, con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter, Emily Mortimer

Capita di leggere con divertimento uno scrittore, senza riuscire a far proseliti. E poi di trovarlo sulla bocca di tutti – come può esserlo un romanzo, mica stiamo parlando di Harvey Weinstein – senza riconoscerlo. Avevamo letto Julian Barnes e il suo meraviglioso “Pappagallo di Flaubert”, guida eccellente per chiacchierare di libri senza annoiare. Dai libri che parlano di altri libri – o almeno fingono di farlo, raccontano a guardar bene anche parecchio altro – Julian Barnes è passato ai libri che parlano della vita. Perlopiù amori e corna (che comunque un brividino lo davano, paragonati agli illeggibili pasticci sperimentali cari a molti suoi colleghi). Poi è arrivato” Il senso di una fine”, e tutti – in Gran Bretagna e pure in Italia – hanno urlato “capolavoro, capolavoro” (ebbe il Booker Prize nel 2011).

 

A noi non sembrò granché, letto a suo tempo: tempi dilatati, un narratore non troppo simpatico – ma non abbastanza odioso da affascinare – un finale debole rispetto alle attese. Siamo andati a controllare dopo aver visto il film di Ritesh Batra, l’indiano che aveva girato il divertente e riuscito “Lunchbox”: storia d’amore con schiscetta a Mumbai. In cima alla lista degli adoratori sta Goffredo Fofi, uno da cui non ci faremmo consigliare nulla, e anzi usiamo come cartina di tornasole: se piace a lui, a noi verrà voglia di scappare. Funziona sempre; come dimostra la fofiana stroncatura del bellissimo “Dunkirk” di Christopher Nolan, con toni da ultimo giapponese che urla “banzai!” nella giungla.

 

“L’altra metà della storia” – recitato da attori molto british penalizzati dal doppiaggio, perfino Charlotte Rampling è meno molesta del solito – aggrava i difetti del romanzo. Tesi: “la vita è come ce la raccontiamo”. Corollario: “Ognuno di noi sopravvaluta grandemente l’effetto che ha sulle vite degli altri”. Servono per la dimostrazione: uno studente geniale, altri studenti così così, una ragazza contesa, una lettera di insulti, un testamento, un diario. Ps: se il finale non vi è chiaro – e francamente non lo è – sappiate che su quale sia davvero “l’altra metà della storia” ci si accapiglia da anni. Anche su internet.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi