La nemesi del nome

Alexandre Dumas, uno e due: la rivalsa sulle origini azzerate e l’invidia per il successo del figlio

La nemesi del nome

La fermata Alexandre Dumas del metro di Parigi (foto sirkarm via Flickr)

Alexandre Dumas, sia padre che figlio, condividono, oltre al nome, un analogo conflitto interiore. Conflitto con la figura paterna, appunto. “Du-mas”, “della masseria”: il piccolo Alexandre (chiamiamolo Alexandre-uno) ha inscritta nella propria genealogia la macchia di un divario sociale – il cognome racconta un’unione mista perché avvenuta in un latifondo, contesto già di per sé ibrido.   Filiazione maschile segnata da un’impronta violenta, “azzerante”, quella dei Dumas. Il nonno, dalla Repubblica Dominicana dove s’era auto-confinato, per trovare i soldi del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi