I dubbi di Violante sul "codice antimafia" applicato alla corruzione

Il governo vuole estendere il “codice antimafia” anche ai reati di corruzione e concussione. Ma l'idea lascia perplessi. Parla l'ex presidente della Commissione Antimafia

I dubbi di Violante sul "codice antimafia" applicato alla corruzione

Luciano Violante (foto LaPresse)

Roma. La corruzione come la mafia. Le misure di prevenzione e il principio costituzionale della presunzione di innocenza fino a sentenza definitiva. L’efficacia dei sequestri preventivi. La lotta interna al Partito democratico. La nemesi di Ingroia&co. Molti temi si snodano attorno all’iniziativa del governo Gentiloni che mira a estendere il cosiddetto “codice antimafia” anche ai reati di corruzione e concussione, e che su questo sarebbe disposto a giocarsi l’ennesimo voto di fiducia. Le misure di prevenzione personali e patrimoniali si...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi