Dopo il passaggio di Harvey la situazione in Texas rimane critica: enormi danni a Houston

La quarta città americana per popolazione è in ginocchio, decine di migliaia gli sfollati. Situazione in peggioramento, intanto Trump è arrivato nello stato

Harvey è una tempesta di “proporzioni storiche”, scrive la Bbc, sottolineando come la situazione sia destinata a peggiorare nei prossimi giorni. A Houston, quarta città statunitense per popolazione - nell'area metropolitana vivono 6,6 milioni di persone – in appena due giorni sono caduti 75 centimetri di pioggia e i salvataggi sono stati circa 3.000. Al momento sono nove le vittime accertate. Decine di migliaia invece gli sfollati.



La stampa locale pubblica nel dettaglio l'interminabile lista dei danni che stanno mettendo in ginocchio lo stato. Decine di strade sono completamente allagate e molte zone di Houston sono state evacuate. In migliaia di abitazioni manca la corrente, gli aeroporti sono chiusi e la città, di fatto, al momento non è raggiungibile attraverso le autostrade.

 

Harvey torna a colpire Houston e mette alla prova la tenuta di Trump

Cappellino patriottico, decisionismo e postura da commander in chief per far fronte a una devastazione “senza precedenti”

 

Questa mattina Donald Trump e la moglie Melania sono atterrati in Texas. “Ci vorrà tempo per mettere a posto le cose, ma il governo federale è pronto a fare la sua parte e a fornire assistenza”, ha detto il presidente americano, che nel frattempo ha proclamato lo stato di emergenza per la vicina Louisiana, colpita duramente dall'uragano Katrina nel 2005 e dove sono previste piogge abbondanti in queste ore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi