Dopo la tragedia di Londra, ecco le critiche a Theresa May

La premier contestata per non avere incontrato i parenti delle vittime. I soccorsi vanno avanti e la polizia dice che non si potranno identificare tutte le vittime. Il bilancio sale a 30 morti

Dopo la tragedia di Londra, ecco le critiche a Theresa May

Theresa May (foto LaPresse)

Per la polizia britannica probabilmente non sarà possibile identificare tutte le vittime dell'incendio al palazzo di Londra di martedì notte. I Vigili del fuoco sono al terzo giorno di lavoro estenuante, alla ricerca di cadaveri e dispersi – in tutto sarebbero 76 – rimasti all'interno della Grenfell Tower di North Kensington. Finora le vittime accertate sono 30, di cui soltanto 6 sono state già identificate, ma la polizia ha già detto che alla fine potrebbero essere diverse dozzine e che non ci si attende di trovare sopravvissuti. "Speriamo che il bilancio non triplichi", ha detto la polizia metropolitana di Londra.

 

Ma la tragedia della Grenfell Tower rischia di diventare anche l'ennesima preoccupazione politica per la premier Theresa May, che ha chiesto un'indagine approfondita. May è stata criticata perché – a differenza del rivale laburista Jeremy Corbyn e del sindaco di Londra Sadiq Khan – non ha incontrato i parenti delle vittime giovedì, quando si è recata sul luogo del disastro. Downing Street ha puntualizzato che lo scopo della visita era quello di appurare i danni e prendere atto delle risorse necessarie per affrontare l'emergenza. Ma l'incidente diplomatico è stato evidente e la premier ha mostrato il fianco ai suoi detrattori, che non sono pochi in un momento che si presta poco a cadute di stile, tra il fallimento elettorale e i dubbi sulla Brexit. L'ex ministro Michael Portilio è così intervento in televisione e ha detto che la premier "non ha usato umanità" nei confronti dei famigliari delle vittime. May ha cercato di aggiustare il tiro e ha detto che i familiari dei dispersi e di chi ha perso la vita "meritano delle risposte" sulle cause dell'incendio.

 

 

L'attenzione degli inquirenti è sul tipo di rivestimento scelto da chi ha ristrutturato il palazzo nei lavori di ammodernamento di due anni fa. Secondo alcuni esperti, se ne sarebbe potuto scegliere un altro, più resistente alle alte temperature in caso di incendio. L'edificio mancava inoltre di strumenti considerati essenziali in caso di emergenza, come gli allarmi anti-incendio sonori e visivi. Il parlamentare conservatore Chris Philip ha confermato ieri che nel giro di poche settimane ci saranno dei controlli nel quartiere per appurare che lo stesso tipo di rivestimento scadente non sia stato usato in altri edifici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Giugno 2017 - 16:04

    Per l'incendio del grattacielo i cornutoni attaccano May che non ha alcuna responsabilità su la sicurezza degli immobili invece di censurare il sindaco responsabile dell'area metropolitana di Londra.

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    16 Giugno 2017 - 14:02

    Dagli alla May! Intanto, stamane sul sito della BBC, l'eroe Corbyn, il secondo classificato delle recenti elezioni, anche se sembra le abbia vinte lui, propone di requisire gli alloggi sfitti di Kensington per ospitare gli homeless. Buon sangue (rosso) non mente.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    16 Giugno 2017 - 11:11

    Cheffiguradimm....! Inghilterra sicurezza e maccaroni!

    Report

    Rispondi

Servizi