Il mito di Roger Ailes

Il maestro della comunicazione conservatrice se n’è andato dopo aver passato tutta la vita con la morte

Mattia Ferraresi

Email:

ferraresi@ilfoglio.it

Il mito di Roger Ailes

Roger Ailes

Roger Ailes diceva che aveva vissuto tutta la vita con la morte in faccia. Aveva l’emofilia, l’artrite, era obeso, gli anni dell’infanzia li aveva passati dentro e fuori dall’ospedale. Quando i suoi genitori se ne andavano, alla fine dell’orario delle visite, rimaneva lì a pensare che anche la minima cosa avrebbe potuto ucciderlo. Un pensiero quasi pascaliano per un uomo associato alla brutalità della propaganda politica, agli intrighi nixoniani, a Fox News, la sua creatura, e ai Murdoch, alle arti...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi