Chez le communiste

A Digione con il popolo di Mélenchon, che fa il presidente-nostalgia approfittando delle debolezze degli avversari, tra voto “convinto”, toni presidenziabili e piani B sull’Ue

Chez le communiste
Digione, dalla nostra inviata. Le chiatte sulla Senna diventano pulpiti, i comizi diventano show, l’ologramma diventa dichiarazione di guerra – all’inizio tutti a ridere, e poi il rammarico: perché non è venuto in mente a noi? Jean-Luc Mélenchon sfrutta il suo momento, l’instabilità dei sondaggi, l’indecisione dei francesi e non c’è nessuno qui, in questo palazzetto di Digione dove il candidato della France insoumise s’è presentato in carne e ossa – mentre in sei altre città francesi è andato in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi