Le strumentalizzazioni dopo Londra: business as usual

Farage, Le Pen & Co. in coro: “L’attacco di Londra dimostra che dobbiamo chiudere le frontiere”

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

Le strumentalizzazioni dopo Londra: business as usual

Marine Le Pen e Nigel Farage (foto LaPresse)

Milano. Oggi non cambia nulla, business as usual, hanno ripetuto orgogliosi i leader politici britannici nel giorno dopo l’attacco a Westminster. Si sono innamorati di una scritta sulla lavagnetta all’ingresso della metropolitana, che era un fake ma un fake talmente perfetto che è finito sulle tv e in ogni feed di Twitter, secondo quel principio di verosimiglianza spesso fallace: “Tutti i terroristi sono gentilmente pregati di ricordarsi che questa è Londra e qualsiasi cosa ci farete berremo il tè e andremo avanti allegri”. Il business as usual è un’arma a doppio taglio, a volte significa che torniamo alla normalità e ignoriamo quel che è stato, tutti struzzi molto allegri, ma questa è Londra e le dichiarazioni fiere venivano dopo una giornata in cui la polizia e le istituzioni avevano dato lezioni a ciglio asciutto di rapidità, efficacia e buon senso al resto del mondo, lasciando ai media l’umiliazione di dare notizie strampalate e non verificate. Il business as usual è anche un lasciapassare alle strumentalizzazioni, dopo il dovuto cordoglio, e così, quando ancora non si conosceva il profilo dell’attentatore di Westminster, Nigel Farage, animatore della Brexit e della campagna anti immigrazione, era già stato invitato dalla Fox News americana un paio di volte per ricordare a tutti, anche agli amici trumpiani, che è venuto il momento “per i nostri politici di chiedere scusa”: “Abbiamo fatto errori tremendi nel nostro paese – ha detto l’ex leader degli indipendentisti dell’Ukip – E tutto è cominciato con l’elezione di Tony Blair nel 1997, che disse di voler costruire un Regno Unito multiculturale. Il suo governo disse anche che aveva mandato propri emissari a trovare immigrati da tutto il mondo per invitarli a stare nel nostro paese, e sapete cosa? Credo che non ne abbiamo controllato nemmeno uno”. Aprendo le porte “si invitano terroristi”, ha aggiunto Farage, “ciò che questi politici hanno fatto in 15 anni condizionerà la storia del nostro paese per i prossimi cent’anni”.

 

Nigel Farage non aveva bisogno di attendere il profilo del terrorista di Westminster, perché è il modello multiculturale britannico a essere erroneo secondo lui, mentre molti esperti, che già da ore dicevano che questo è il primo test terroristico del premier Theresa May, aspettavano di capire da che parte sarebbe partito l’attacco: errore dell’intelligence? Errore della May, che è stata ministro dell’Interno per sei anni prima di diventare premier e quindi ha responsabilità politiche rilevanti per la gestione dell’immigrazione, nuovi arrivati e stranieri da integrare? In realtà la domanda, fin da subito, è stata un’altra: hai scelto di fare la Brexit nella sua forma più dura, fuori dal mercato comune, principalmente per poter gestire in modo autonomo il flusso migratorio (pur essendo già fuori da Schengen), ma davvero questo ti può proteggere dalla minaccia del terrorismo?

 

A cinque giorni dall’attivazione della procedura di uscita dall’Unione europea la risposta pare negativa, ma l’istinto alla chiusura come forma di protezione assoluta continua a rimanere forte, anche tra i partner ideali di Farage e dei suoi alleati, in particolare di quell’Aaron Banks, primo finanziatore dell’Ukip in rotta con la nuova leadership e alle prese con un nuovo progetto politico, un Ukip 2.0, in cui il duo si rinsalderà ulteriormente. La premier polacca, Beata Szydlo, ha detto alla tv privata Tvn24: “Sento spesso ripetere in Europa: non fate connessioni tra la politica migratoria e il terrorismo, ma è impossibile non farle”. La Szydlo considera l’attacco di Londra la dimostrazione ultima della bontà della sua scelta di non accettare rifugiati, e di non farsi dettare quote o regole dall’Unione europea. Poco importa se l’attentatore Khalid Masood non è un rifugiato né un immigrato, perché anche Marine Le Pen, leader del Front national francese che guarda alla Brexit come a un esempio da seguire (tra i feriti ci sono anche tre piccoli studenti francesi), ha detto: “Oggi abbiamo un problema, che è quello di questo terrorismo low-cost. Dobbiamo controllare i nostri confini”. Non è chiaro come un controllo dei confini avrebbe potuto evitare l’attacco di Londra, ma alla Le Pen e ai suoi alleati non importano i piani di fattibilità, i muri che possono disgregare l’Europa sono comunque benvenuti. Ed è appena ironico il fatto che oggi la leader frontista sia in visita a Mosca, che sulla fragilità europea ha scommesso buona parte del suo capitale politico. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    24 Marzo 2017 - 19:07

    Gentile Alessandra, quando sostengo che terrorismo ed immigrazioni non sono fenomeni sovrapponibili o di essere fermamente contrario al partito della chiusura, esprimo concetti per lei astrusi, ma condivisi anche da qualcuno che scrive su questo giornale.

    Report

    Rispondi

    • Alessandra

      27 Marzo 2017 - 08:08

      Egregio Lodigiani, le consiglio una semplice lettura ossia quella di un elenco telefonico di Leeds o Birmingham o Londra di trenta-quarant'anni fa: poi veda se è il caso di dire che l'immigrazione non c'entra nella creazione delle enclave islamiche ... a meno che non si arrivi a dire che l'Islam fa parte della storia inglese così come hanno tentato di dire della Francia .

      Report

      Rispondi

      • lorenzolodigiani

        27 Marzo 2017 - 21:09

        Cara Alessandra, a parte il fatto che, per me, non e' facile raggiungere elenchi telefonici di quelle citta', lei sta menzionondo immigrazioni storiche. Certo che c'entrano con la creazione di enclave islamiche. Ma difficili da prevenire anche per gli Inglesi poco europeizzati di allora. Tutti siamo contrari e preoccupati per le migrazioni incontrollate. Ma non si risolve il problema affermando: tornino a casa loro. Sono necessarie misure frutto di decisioni comuni e l'Europa si deve svegliare. Noi ci troviamo in una posizione molto critica, ma vedere nel nazionalismo una soluzione possibile non solo e' sbagliato, forse e' tragico.

        Report

        Rispondi

        • Alessandra

          28 Marzo 2017 - 09:09

          Lei dice che non si può dire "tornino a casa loro" , ma vorrei ricordare che molti stati europei non lo possono più nemmeno fare perché hanno concesso a troppi la cittadinanza sull'onda dei sensi di colpa per il colonialismo. Nonostante ciò, nel Parlamento italiano il PD sta tentando di varare la legge sullo Jus soli, tanto da toglierci, in futuro, la possibilità di espulsione dei sovversivi (azione che ritengo finora ci abbia aiutato non poco a contenere il fenomeno del terrorismo islamico). Dietro la concessione di tali diritto, in un simile momento storico, ravvedo solo la miserabile conta di voti elettorali di gratitudine.

          Report

          Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    24 Marzo 2017 - 16:04

    Non si considera che se ci fosse stata più attenzione a chi si faceva entrare quando arrivò in Inghilterra la famiglia dell'attentatore, e se si fosse almeno tentato di integrarla nella società occidentale, invece di perseguirne una multi-culti, sicuramente le probabilità di un attacco dal'interno sarebbero state molto inferiori. Basta leggere l'articolo odierno di Meotti per farsi un'idea della pentola a pressione islamica che è diventata l'Inghilterra. Non riesco a capacitarmi del perché si debba fare un polverone simile sul programma della Perego e invece si debba tacere sulle studentesse sbattute nelle ultime file e senza diritto di parola, agli eventi di alcune delle università britanniche. Perché all'islam è consentito tutto, e guai a criticare? Non si vede dove porta questo percorso? Vorrei poi vedere dove finiranno i seguaci del politicamente corretto, col ditino alzato verso chi non la pensa come loro se dovessero prendere un giorno il potere i musulmani...

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    23 Marzo 2017 - 21:09

    Cara Paola, complimenti per il modo "super partes' con cui commenta i drammatici fatti di Londra che, sull'onda della suggestione, potrebbero anche essere travisati. Sovrapporre i fenomeni del terrorismo e dell'immigrazione e' un errore dovuto ad una semplificazione. Semplificare e' la caratteristica determinante del partito della chiusura. Non contano, oggi, la destra o la sinistra, ma ritenere opportuno di chiudersi nei propri confini, protetti da muri apparentemente insormontabili o , come lei dice, rinunciare ad una "autarchia ideologica" e ad una difesa comune.

    Report

    Rispondi

    • Alessandra

      24 Marzo 2017 - 08:08

      GENIALE! quindi la soluzione è nell'accogliere altri milioni di musulmani...le giuro, oggi non volevo commentare nulla, ma Lei mi ha fatto sobbollire la tastiera

      Report

      Rispondi

      • lorenzolodigiani

        24 Marzo 2017 - 18:06

        Vorrei precisare che il mio post precedente contiene un errore. Doveva concludersi : rinunciare ad ad una "autarchia ideologica" e concepire una difesa comune. Grazie.

        Report

        Rispondi

Servizi