In Messico sono morte 5 persone in un attacco a un festival musicale

Tra le vittime c'è anche un italiano. Le ragioni della sparatoria sono ancora poco chiare

Messico polizia sicurezza

Forze di sicurezza in Messico (foto LaPresse)

Cinque persone sono morte e 15 sono rimaste ferite lunedì durante una sparatoria notturna al Blue Parrot, una discoteca di Playa del Carmen, celebre sito turistico sulla costa atlantica a sud del Messico. La sparatoria è avvenuta intorno alle 3 del mattino ora locale, durante uno degli eventi di chiusura di un festival di musica elettronica, il BPM.

 

Quei “nuovi” narcos messicani che prediligono le stragi di poliziotti

Il cartello Jalisco nueva generación, la nuova generazione di Jalisco, è quello che sta crescendo più rapidamente nel paese, grazie a un metodo che si potrebbe definire vecchio stile

 

Le vittime dell’attacco sono quattro uomini e una donna. Miguel Ángel Pech Cen, il procuratore dello stato, ha detto che i quattro uomini sarebbero due canadesi, un colombiano e un cittadino italiano, Daniel Pessina, di origini milanesi. Il procuratore ha detto che i quattro uomini sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco, la donna invece è morta dopo essere caduta durante la confusione per l’attacco. Ci sono inoltre almeno 15 feriti, di cui uno in gravi condizioni.

Le ragioni della sparatoria non sono ancora chiare: Cristina Torre, il sindaco della località Solidaridad, dove è avvenuto l’attacco, ha detto ai media locali che secondo alcune versioni un uomo avrebbe aperto il fuoco sulla folla dopo essersi rifiutato di pagare il conto; un’altra versione, ha detto Torre, riferisce che l’attacco sarebbe un atto di criminalità organizzata.

In Messico gli attacchi a bar, locali e luoghi di divertimento da parte della criminalità organizzata – in alcuni casi si tratta di regolamenti di conti, in altri di omicidi mirati, in altri ancora di operazioni para terroristiche – sono piuttosto comuni. L’ultimo era avvenuto appena tre giorni fa nello stato di Veracruz: sono state uccise tre persone, tra cui una ragazza. Il più grave tra questi attacchi avvenne a Monterrey nel 2011, quando il gruppo di narcotrafficanti conosciuto come Los Zetas fece irruzione nel casinò locale sparando e lanciando granate, per poi dare fuoco all’edificio. Morirono 52 persone secondo il conteggio ufficiale, almeno 10 di più secondo un conteggio fatto dai media.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi