Vogliono annientare Israele

La piccola frazione di un villaggio israeliano in Cisgiordania fa di più per la nostra libertà di tutti i predicozzi malvissuti di una ideologia irenista di fede che ha smarrito sé stessa. L’Onu e la retorica cinica su cos’è la legalità

Vogliono annientare Israele

Obama incontra Netanyahu a New York lo scorso settembre (foto LaPresse)

In termini tecnici gli insediamenti israeliani a Gerusalemme e in Cisgiordania sono illegali. In termini tecnici, Israele è illegale, sono illegali le sue vittorie nelle guerre difensive contro il proprio annientamento, le sue conquiste, i suoi muri, i suoi posti di blocco, è in certo senso illegale anche la sua autodifesa contro il terrorismo e le insurrezioni palestinesi fatte di pietre, di bombe umane gettate nei matrimoni e nelle prime comunioni, di coltelli infilzati nella schiena della folla anonima e investimenti alle fermate dei bus. E’ illegale la sua diplomazia perché è illegale lo stato israeliano, illegali e da boicottare le sue esportazioni, perfino i suoi miracoli di società e di sviluppo sono illegali. Gli ebrei sono illegali da sempre, i loro templi distrutti, il loro insediamento originario è l’esilio, la schiavitù, il pogrom, il ghetto. E non è un modo di divagare navigando attraverso la storia e la metastoria di un sacrificio della diaspora che arriva alle camere a gas passando per secoli di antigiudaismo cristiano e di antisemitismo paganeggiante e razziale, comunque diffuso, stereotipato, dunque un modello culturale e di linguaggio e di pregiudizio al quale pochissimi di noi occidentali siamo rimasti estranei, anche nell’alta società progressista e nell’alta cultura illuminista e laica. Gli unici ebrei legali sono quelli integralmente assimilati o integralmente annientati, le due soluzioni finali della questione ebraica. La dichiarazione di illegalità votata dal Consiglio di sicurezza dell’Onu con l’astensione a tradimento dell’Amministrazione Obama, l’ultimo misfatto dell’uomo che fissò la linea rossa in Siria, famosa, e ora ha cancellato la linea rossa della difesa di Israele in limine mortis del suo potere, per vendetta, è una dichiarazione tardiva e parziale. La coalizione dei nemici e dei falsi amici di Israele punta su quello che considera l’anello debole della catena difensiva israeliana, spacciandolo per profetismo antiarabo-palestinese, ideologia nazionalista e spietato accaparramento di cosa altrui.

 

I due popoli non c’entrano. In Israele vive un milione e mezzo di palestinesi, il venti per cento della popolazione. Non sono tollerati, sono cittadini protetti dal sistema democratico, dalle decisioni delle sue corti di giustizia, sono rappresentati nel Parlamento di uno stato che è lo stato degli ebrei ma ammette cittadinanza e diritti per i non ebrei. Per quanto fanatismo religioso possa essere incorporato tra i settler ebrei in Cisgiordania e a Gerusalemme est, per quanto dall’alto gli snob e i corrotti dello spirito guardino le idealità, il senso biblico delle radici, l’impresa di frontiera di quanti scelgono di installarsi o insediarsi nei Territori, per quanto cerchino di trasformare in fanatismo coloniale l’ultima grande impresa pionieristica del popolo più solo e coraggioso del mondo, non sono gli abitanti degli insediamenti a essere coloni ebrei, sono gli ebrei a essere dovunque e sempre degli insediati, chiusi nelle loro fortezze con i loro vecchi e bambini, operosi, devoti, e finalmente anche armati e forti di una vita di vocazione e di destino che chiede il giusto riconoscimento alle coscienze delle persone mentalmente sane e pulite. Questa è la loro illegalità internazionale. E si capisce che a difesa di questa illegalità siano schierati il governo Netanyahu e una componente immensa, se non maggioritaria, degli ebrei di Israele e della diaspora. E se non fosse così, se solo una minoranza fosse in grado di capire che esistono famiglie, esseri umani, comunità che hanno deciso di non sottomettersi a quanto la storia e il fato hanno loro riservato, pazienza. Contiamoci con semplicità nella minoranza dei giusti senza sentirci specialmente giusti.

 

La kefiah al Palazzo di vetro

La sfoggia il presidente dell’Assemblea generale contro Israele: segno dei tempi

 

Come dice Irv, il papà di Jacob, nel romanzo bellissimo di Jonathan Safran Foer, “i loro ospedali sono pieni di razzi puntati sui nostri ospedali che sono pieni di loro malati, e alla fin fine a noi piace il pollo Kung Pao e a loro piace la morte”. Sharon, riposi in pace, ritirò le truppe israeliane da Gaza, con le conseguenze che si sono viste ed è un bene universale che si siano viste. Non è l’ultima delle motivazioni per insediamenti che cercano di far vivere uno stato guarnigione assediato da poteri bestiali, come quello di Assad, da etnie ferocemente nemiche, da stati e da una educazione popolare dediti alla distruzione di Israele, in era per la regione prenucleare. Problema che nonostante la viltà e la cecità dell’Onu e degli Obamas ci riguarda tutti. Anche i sottomessi come padre Enzo Bianchi che ha avuto il coraggio di affermare quanto poco avesse a che fare l’attentato di Berlino con il Natale cristiano; il suo obiettivo, dice questo vecchio saggio dell’Eurabia, erano il consumismo e la secolarizzazione. Jihadisti come fratelli separati ma lungimiranti dei cristiani. La piccola frazione di un villaggio israeliano in Cisgiordania fa di più per la nostra libertà e sicurezza di tutti i predicozzi malvissuti di una ideologia irenista di fede che ha smarrito sé stessa. Figuriamoci il cinismo dell’Onu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    27 Dicembre 2016 - 12:12

    Fulminante Giuliano Ferrara. Sembra quasi che l’Occidente, nomen omen, sia impegnato a fare un grazioso regalo al blocco islamico: “Via Israele dalle palle”. Però non è così, il “Via Israele” è solo un turpe momento della guerra civile che combattiamo da tanti anni tra noi per un’effimera supremazia culturale e di potere. Il che è ancora peggio. Ridurre la situazione a nominalismi e persone è deviante e riduttivo. Può darci la sensazione consolatoria di aver trovato il colpevole e che, fuori lui, tutto s'aggiusti. ma non è così. Infatti l'orrendo insieme attuale e generale nasce dal fatto che ciascuno ha portato il suo mattoncino, quello del proprio interesse. Non è possibile che diversamente accada? Può darsi. Ma tant'è.

    Report

    Rispondi

  • avv.ferri

    27 Dicembre 2016 - 09:09

    Ecco cosa succede quando si lascia un simil/Marino alla guida dell'America

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    27 Dicembre 2016 - 08:08

    Complimenti e infiniti grazie, Giuliano. Anche per aver ricordato che la lista di misfatti del Nobel per la pace già presidente degli USA e' lunga assai. E le conseguenze le pagheremo a lungo nel tempo ad un prezzo la cui entità non ci e' dato neppure di immaginare.

    Report

    Rispondi

  • m.staub

    27 Dicembre 2016 - 00:12

    Prima di tutto, proteggiamo i cristiani nel Medio Oriente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi