La grande eredità di Castro

E’ il Venezuela, dove le donne vendono i capelli per comprare cibo

La grande eredità di Castro

In piazza a Caracas moltissime persone protestano per la mancanza di cibo (foto LaPresse)

Ogni giorno sempre più venezuelani salgono su imbarcazioni di fortuna per sfuggire al collasso economico del loro paese. Come riporta il New York Times, “il Venezuela una volta era uno dei paesi più ricchi dell’America latina e attraeva gli immigrati provenienti da luoghi diversi come l’Europa e il medio oriente”. Ma dopo che il presidente Hugo Chávez ha promesso di distruggere l’élite economica del paese per redistribuire la ricchezza ai poveri, il ceto medio ha preso la strada dell’esilio, scatenando quella che i demografi descrivono come “la prima diaspora del Venezuela”. Adesso però anche i venezuelani poveri, che stanno morendo di fame, scelgono l’emigrazione (120 mila sono già fuggiti).

Ora anche il Mercosur si accorge del regime di Maduro (e sospende il Venezuela)

Dopo quattro anni dal suo ingresso Caracas è stata sospesa per “non aver rispettato la carta del mercato comune sudamericano” né in termini di standard economici né per quanto concerne quelli democratici

Le donne dal Venezuela stanno attraversando il confine in massa per vendere i loro capelli in una città al confine colombiano, al fine di permettersi di comprare beni primari come cibo, pannolini o medicinali. La tendenza, che è esplosa nelle ultime settimane, è un altro segno della profonda crisi del paese un tempo omaggiato dagli antagonisti di tutto il mondo. Decine di intermediari, noti come “trascinatori”, sostano su un ponte che collega San Antonio, in Venezuela, alla Colombia tramite La Parada, gridando: “Compriamo capelli!”. Circa duecento donne al giorno scelgono questo mezzo di sostentamento (i capelli sono usati in Colombia per fare le extension). Il cibo non sovvenzionato oggi in Venezuela è troppo costoso, con un sacchetto di riso a volte così caro che arriva a costare circa un decimo dei guadagni mensili. Molti sono costretti a sopravvivere con gli avanzi trovati nella spazzatura. Fidel Castro è morto e sepolto, ma l’orrore del castrismo socialista sopravvive in Venezuela. La credulità occidentale sul socialismo è eterna, il che spiega gli elogi lacrimevoli per Cuba, che Pascal Bruckner ha definito “totalitarismo con un tocco piccante”. Ma basta guardare i poveri in barca, disperati e affamati, che fuggono dal Venezuela per sapere dove si trova la vera eredità di Fidel.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    07 Dicembre 2016 - 23:11

    È ritornata tanta nostalgia per il socialismo del quel che è tuo è mio e quel che è mio è mio e infine tutti insieme appassionatamente in fila per una cipolla marcia al giorno anche in Italia, dal 4 dicembre.

    Report

    Rispondi

Servizi