Lotta all'evasione da record: nel 2016 recuperati 19 miliardi, dice Padoan

Il ministro dell'Economia ha presentato gli ultimi risultati dell'Agenzia delle entrate. "Fa sorridere sentir dire che il governo strizza l'occhio agli evasori"

Padoan

Il ministro Pier Carlo Padoan al World Economic Forum di Davos il 18 gennaio scorso (foto LaPresse)

Nel 2016 la lotta all'evasione ha fatto registrare un nuovo record: recuperati 19 miliardi di euro. Lo ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan presentando oggi al Tesoro, insieme al direttore Rossella Orlandi, gli ultimi risultati dell'Agenzia delle entrate. Da record anche il gettito, con “oltre 450 miliardi secondo le prime stime, rispetto ai 436 miliardi del 2015 e ai 419 del 2014”.

 

 

“Fa sorridere, per non dire altro, sentir dire che la lotta all'evasione non c'è” e che il governo “strizza l'occhio agli evasori”, aggiunge Padoan, affermando che in realtà l'amministrazione è amica di “aziende e contribuenti onesti, aiuta ad adempiere, a non sbagliare e a correggere gli errori, senza approcci inutilmente punitivi”. Una “buona amministrazione fiscale”, spiega il ministro, non serve solo “ad assicurare il gettito ma anche la giustizia sociale, perché l'evasione crea disuguaglianze e distorce la concorrenza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    11 Febbraio 2017 - 10:10

    L'inflazione non sale, ma il gettito si'. L'eguaglianza sociale di cui parla non puo' che essere quindi al ribasso visto che il reddito dei cittadini direttamente disponibile cala. Ma ovviamente cresce il reddito indiretto disponibile per aumentare la dipendenza psicologia dei cittadini dai politici che si fanno tramite dello stato-padrone che elargisce come una grazia parte di quello che precedentemente gli ha prelevato.

    Report

    Rispondi

Servizi