Fine vita per sete? Meglio pensarci

Perché trattare idratazione e alimentazione come “terapie” è un errore

eutanasia

Il cardinale Angelo Bagnasco ha introdotto per l’ultima volta la riunione del consiglio permanente della Conferenza episcopale con una prolusione breve, nella quale ha trovato spazio una frase critica nei confronti della legge sul fine vita che riprenderà il suo iter parlamentare a fine mese. Dopo aver lamentato le lentezze e le difficoltà che ostacolano l’adozione di provvedimenti fiscali e assistenziali a favore delle famiglie, il prelato osserva: “La discussione politica verte, piuttosto, su altri versanti, quali ad esempio il fine vita, con le implicazioni – assai delicate e controverse – in materia di consenso informato, pianificazione delle cure e dichiarazioni anticipate di trattamento. Ci preoccupano non poco le proposte legislative che rendono la vita un bene ultimamente affidato alla completa autodeterminazione dell’individuo, sbilanciando il patto di fiducia tra il paziente e il medico. Sostegni vitali come idratazione e nutrizione assistite, ad esempio, verrebbero equiparate a terapie, che possono essere sempre interrotte. Crediamo che la risposta alle domande di senso che avvolgono la sofferenza e la morte non possa essere trovata con soluzioni semplicistiche o procedurali; la tutela costituzionale della salute e della vita deve restare non solo quale riferimento ideale, bensì quale impegno concreto di sostegno e accompagnamento”.

Come si vede né lo spazio né il tono delle dichiarazioni di Bagnasco sembrano preludere a una campagna di opposizione, prevale piuttosto l’invito a una discussione non chiusa in pregiudiziali di carattere ideologico. Non si capisce, per la verità, perché dovrebbe essere considerato “laico” far morire una persona di sete, con le connesse inevitabili sofferenze. La legge in discussione consente di interrompere, su richiesta anche precedente del malato, il sostegno artificiale alla respirazione e all’attività cardiaca, consente di utilizzare farmaci palliativi e antidolorifici senza preoccuparsi di eventuali controindicazioni: insomma, va al massimo limite della cessazione dell’accanimento terapeutico, e forse lo supera. Perché dunque insistere nel definire terapeutiche l’idratazione e l’alimentazione assistite, che non sono affatto una cura, come capisce anche un bambino, al solo scopo di permetterne la sospensione in modo da provocare una morte che nessuno può decentemente definire dignitosa? Il fatto che la chiesa si astenga da una battaglia di tipo confessionale dovrebbe aiutare anche i laici a riflettere sulla questione della dignità della vita e della morte senza posizioni preconcette, in un dibattito eticamente complesso sui limiti della cura. Rispettare la volontà soggettiva è una cosa, e una legge è necessaria; autorizzare un percorso alla morte per sete o fame è tutt’altra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    29 Gennaio 2017 - 09:09

    Perchè in un soggetto uncapace di bere o di alimentarsi sono terapie.

    Report

    Rispondi

  • graziamanna13

    25 Gennaio 2017 - 14:02

    Sono infermiere da 40 anni e se permettete,so di cosa parlo.L' acqua e il cibo utilizzati nell alimentazione artificiale :per via endovena o gastroenterale (PEG) ,vengono forniti con ricetta medica dalle farmacie .La PEG é inserita da un chirurgo ;per cui come fate a dire che non parliamo di terapie?Personalmente ,come " milioni "di altri medici e infermieri nel mondo ,abbiamo visto e permesso a milioni di persone di morire di fame e di sete,senza problemi; perché non vi era alternativa logica e materiale.Penso al nonno colpito da ictus ,che veniva lasciato morire di fame e di sete in santa pace accudito e vegliato da famigliari e amici .La questione eutanasia, allora non esisteva.E' stata il dono avvelenato e perverso del progresso medico.Un ultima cosa.. decido io se come allearmi con qualcuno, altrimenti non é un' alleanza .

    Report

    Rispondi

  • m.dimattia

    25 Gennaio 2017 - 12:12

    In sostanza, fuor da causidiche questioni, non vedo dove sia l'interesse di definire un trattamento "terapeutico", o meno. La domanda è: "se io non lo voglio, qualcuno me lo può imporre? Il medico? La legge? Bagnasco? Il redattore? Se per me è la morte per sete è più dignitosa delle alternative legali, uno dei suddetti ha titolo per impormi il suo concetto di dignità? La beffa è che se una morte per me più "dignitosa" mi è preclusa, la ragione è nella necessità di arrivare ad una mediazione proprio con il detto concetto, che tale morte "dignitosa" non considererebbe. Prima mi lasci l'unica alternativa di morire di sete, poi mi dici che neanche quello va bene. Non la definirei una "discussione chiusa in pregiudiziali". E' il comma 22.

    Report

    Rispondi

Servizi