Ineluttabile come settembre, arriva la legge di Crozza: “Se se n’è accorto lui, è banale”

La battuta è facile, lo slogan orecchiabile. Ma l’abbiamo sentita in tutti i bar

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Ineluttabile come settembre, arriva la legge di Crozza: “Se se n’è accorto lui, è  banale”

Maurizio Crozza (foto LaPresse)

Esistono regole non scritte ma ineluttabili, come l’arrivo del primo temporale di settembre, alla faccia del climate change. Leggi indiscutibili, di un solo articolo, come le leggi di Murphy (“se una cosa può andare storta, lo farà”). Una di queste leggi, autunnale come il cambio di palinsesto, fissa come una tavola periodica, è la seguente: “Se se n’è accorto Crozza, è già banale”. Il capocomico della satira unificata, per quanto ormai dislocato su un numero laterale e diverso dal 7, ritorna inesorabile e inserisce nella sua collezione di imitazioni (i pelati gli vengono più naturali) il capo del Viminale, il coriaceo Minniti. “Se noi del Pd vogliamo vincere le elezioni, c’è un solo modo: non possiamo lasciare il fascismo ai fascisti”. La battuta è facile, lo slogan orecchiabile. Ma l’abbiamo sentita in tutti i bar, l’avrà fatta forse anche Gad Lerner, alla riunione di redazione di Nigrizia. Per l’appunto, è già diventata banale. Assieme a tutte le sue varianti in corso d’opera, “la parola spezziamo le braccia ai migranti non possiamo lasciarla alla destra”, “la sfida a noi di sinistra nei prossimi dieci anni è come farsi passare il dispiacere”. Non è che non faccia sorridere, l’idea che Minniti possa far sorridere. Ma è la risata di un nuovo conformismo, senza sorprese. L’autunno è arrivato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi