La strage di cristiani in Centrafrica e le parole che i vescovi non dicono

Non si può nascondere la radice islamista delle persecuzioni

La strage di cristiani in Centrafrica e le parole che i vescovi non dicono

Papa Francesco apre la Porta santa del Giubileo in Africa a Bangui, capitale della Repubblica centrafricana (foto LaPresse)

Il quotidiano dei vescovi, Avvenire, dà il massimo risalto nel suo titolo di prima pagina all’aggressione anticristiana che insanguina il centro Africa. Riporta una impressionante testimonianza del vescovo di Bangassou, Juan José Aguirre, che racconta di come almeno cinquanta fedeli rifugiati in chiesa siano stati massacrati da ribelli islamisti. Monsignor Aguirre, peraltro, ospita nella sua missione duemila rifugiati islamici, perseguitati da milizie anti-islamiche, anche se questa scelta provoca reazioni anche da parte delle famiglie cristiane, che rifiutano di mandare i figli a scuola finché negli edifici saranno ospitati gli islamici. La denuncia è stata dal Pontefice, che, nel discorso pronunciato durante l’udienza generale di mercoledì, ha auspicato “che cessi ogni forma di odio e di violenza e non si ripetano più crimini così vergognosi, perpetrati nei luoghi di culto, dove i fedeli si radunano per pregare”.

 

La situazione dei cristiani in centro Africa e in altri paesi limitrofi è terribile, e non si vedono prospettive di miglioramento. I generosi tentativi di evitare o almeno attenuare gli effetti delle violenze soccorrendo le vittime, indipendentemente dalla loro religione, come quelli messi in atto da monsignor Aguirre, non sembrano ottenere alcun effetto. E’ evidente la volontà della chiesa di non sottolineare, anzi quasi di occultare le radici dell’odio che stanno nella predicazione violenta degli estremisti islamici, per evitare di dare l’impressione di farsi coinvolgere in una “guerra di religione”.

 

Se sono comprensibili le ragioni di questo atteggiamento, compresa quella di non dare esca proprio alla propaganda anticristiana degli islamisti fanatici, si può dubitare della sua efficacia. Per isolare l’estremismo islamista non si può rifiutare di definirlo per quello che è, cioè una corrente, oggettivamente esistente e permanente da secoli, di una religione, che ha le sue basi culturali e teologiche non nettamente separate da quelle prevalenti, sia nella tradizione sciita che in quella sunnita. Isolare questa corrente, spingere gli altri islamici a combatterla insieme a tutti coloro che si oppongono alla violenza e al genocidio (che è la tragica prospettiva che si apre nell’Africa centrale) non significa aprire una guerra di religione, ma cercare di costruire, anche tra le diverse religioni, un fronte comune solido e impenetrabile alle infiltrazioni settarie ed estremistiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    13 Agosto 2017 - 12:12

    Ringrazio Perturbabile. E aggiungo una nota storica: per quanto tempo a sinistra e sui "loro" organi di informazione le nostre Brigate rosse che seminavano attentati furono precedute nelle cronache dall'aggettivo "sedicenti"? Per molti mi par di capire sono sedicenti pure gli islamici delle attuali stragi. Disinformazione recidiva?

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    11 Agosto 2017 - 09:09

    Ben scritto. Andrebbe però ribadito che solo un cieco non vede che la guerra di religione o scontro di civiltà che dir si voglia c'è gia' da un pezzo. E che a quanto riferiscono le cronache i gommoni degli immigrati non trasportano cristiani che fuggono dalle guerre e persecuzioni africane. Quei poveri disgraziati e martiri restano a farsi massacrare a casa loro. Una riflessione su questa realtà, chiamando i responsabili con nome e cognome pure del Dio in nome del quale massacrano, non sarebbe il caso che almeno il Vaticano la proponesse, visto che i poveri sterminati sono figli e fratelli del loro Dio cristiano?

    Report

    Rispondi

    • perturbabile

      11 Agosto 2017 - 15:03

      Gian, Lei naturalmente deve aver capito con chi si ha che fare! Se non del male, fanno dell'ipocrisia e del rigetto di realtà la loro bandiera. Nè mai accade che si impegnino in un contraddittorio secondo logica. È un loro tratto psicocologico nonchè costume pratico, che attiene il loro senso di superiorità (Dio vuole ciò che mi piace!), i loro limiti (ribadisco ciò che non capisco) e la possibile malafede (giudico convenientemente ai miei scopi del mondo). Le loro posizioni li configurano come la nuova estrema sinistra italiana. Ma ciò che congetturano, condannano o approvano, riceve dai mezzi di comunicazione una diffusione e un'amplificazione così supine e ampie da influenzare e confondere, su temi socio-politici, una parte della popolazione. È un'entità politica con fini politici, che però non partecipa alle elezioni. Solo da poco qualcuno si è svegliato e ha fatto di una voce prima intoccabile un'entità criticabile e dai contenuti passibili di pubblica falsificazione. Coraggio!

      Report

      Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    11 Agosto 2017 - 09:09

    Chiarissimo. Da capire: trattasi di monarca assoluto oppure i consiglieri non sono all'altezza?

    Report

    Rispondi

Servizi