Il Dio delle città

C’è una teologia anche per le periferie. La predicazione del Papa indica una nuova frontiera della fede

Il Dio delle città

Papa Francesco a San Siro durante la sua recente visita a Milano (foto LaPresse)

Dunque domandiamoci: in questa città, in questa comunità ecclesiale, siamo liberi o siamo schiavi, siamo sale e luce? Siamo lievito? Oppure siamo spenti, insipidi, ostili, sfiduciati, irrilevanti e stanchi?”. La città in questione era Roma, correva l’anno 2014 e Francesco in Vaticano esortava a interrogarsi, a intraprendere un percorso di discernimento e riflessione sullo stato della città. Niente discorsi retorici o interrogativi troppo impegnativi per avere risposte immediate, bensì un cammino che parte da lontano e man mano s’avvicina progressivamente...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi