L'Italia dei miracoli. Lunedì nel numero monografico del Foglio

Il pil che cresce più di quello americano e inglese, una seconda posizione nel mondo, dietro la Germania, per competitività nel commercio estero. Ecco il paese che sa rialzarsi dopo la lunga crisi. E non produce soltanto abbigliamento, scarpe e cibo

Loading the player...

Montaggio video di Enrico Cicchetti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    03 Luglio 2017 - 12:12

    La maggior crescita non prevista dell'Italia sarebbe un miracolo? Forse si possono trovare altre seppur parziali spiegazioni. Nel 2016 Renzi è riuscito ad ottenere un allentamento dei vincoli del patto di stabilità. Dal 2008 i Comuni italiani - per i vincoli del suddetto patto - erano costretti ad incassare più di quanto necessitava per il loro funzionamento. Il mio Comune (20000 abitanti) da allora realizzava da 1,5 a 2 milioni di entrate che non poteva spendere e che andavano in avanzo di amministrazione. Questo "fondo" non poteva essere speso nemmeno per gli investimenti, cioè in autofinanziamento. E' incredibile ma è così: in otto anni il mio Comune ha cumulato avanzi per circa 14 milioni e analogamente - penso tutti gli altri Comuni. Aver liberato la spesa ha certamente contribuito a quel rilancio degli investimenti che s'è tradotto in aumento della crescita. Chi ha inventato quel patto "stupido" andrebbe sottoposto a trattamento psichiatrico.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    03 Luglio 2017 - 10:10

    Troppo ottimismo nel numero de"Il Foglio" con l'articolessa di Mario Fortis. Saremo anche primi nell'export per abbigliamento e scarpe , ma poi la situazione italiana segna il passo: vedi gli ultimi dati Istat sull'occupazione.

    Report

    Rispondi

Servizi