Lunedì nel numero monografico del Foglio

Ma davvero il mondo sta andando sempre peggio? Le statistiche dicono che siamo cresciuti in altezza, che la vita media si è allungata e la mortalità infantile e la povertà sono drasticamente diminuite. Un racconto delle cose ragionevolmente ottimista

Loading the player...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    20 Febbraio 2017 - 10:10

    Affidiamo le speranze future alle statistiche, sperando che politici mediocri, ad essere buoni, come gli attuali, nei vari settori non peggiorino le prospettive.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    20 Febbraio 2017 - 07:07

    Sono senz'altro d'accordo e se l'umanità non commette qualche follia andrà sempre meglio. Vi correggo, ben più di 3 miliardi di persone sono state tirate fuori dalla povertà e in un tempo record: circa vent'anni. Il merito è di quella globalizzazione che in Italia i populisti e le sinistre radicali avversano ferocemente. Quasi tutta l'Asia ne ha beneficiato e inizia lentamente a beneficiarne anche l'Africa.La sanità è migliorata in tutto il mondo, persino nei paesi più poveri che se sono in tale situazione lo debbono a ottuse dittature, guerre tribali e/o situazioni ambientali molto sfavorevoli. Sento e leggo molti italiani che si lamentano della nostra sanità che però è stata dichiarata una delle migliori del mondo dall'OMS. La medicina sta facendo passi da gigante e le nuove metodiche basate sulla genetica fanno ben sperare. Certo c'è ancora tanto da fare e occorre lavorare sodo ma lamentarsi continuamente e di tutto è proprio da ...beceri populisti e da ignoranti.

    Report

    Rispondi

Servizi