Donne en colère con le donne vittime

Una ha scritto “L’inceste”, autobiografico. Un’altra “Parler”, sul dovere di denunciare. In tv fanno a pezzi Fillon, tra loro litigano. Ma il dolore non ha genere, perché l’identità femminile deve sempre essere un problema? C’è anche la Aspesi

Donne en colère con le donne vittime
Tutti soffriamo. Anche le donne soffrono. Ma come gli uomini, o i maschi, non troppo diversamente. Il dolore non è una questione di genere. E’ ermafrodito, se volete, sebbene la riprovazione per i comportamenti sessisti e molestatori sia invitante, promettente, appare come una chiave per chiudere la porta a vecchie modalità di sottomissione, ineguaglianza, discriminazione predatoria. La retorica della sofferenza femminile deve imporsi dei limiti di gusto. Harvey Weinstein è un porco patologico, così sembra, ma andare in camera sua...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Ottobre 2017 - 09:09

    La domanda è dovuta : Ma Harvey l'orco dal sesso senza freni patologico molestava stuprava anche cameriere bariste tassiste casalinghe? Se andrà a processo sarà un gran divertimento assistere al contro interrogatorio dei suoi avvocati alle giovani virtuose che a lui si rivolgevano per fare carriera. luigi de santis

    Report

    Rispondi

Servizi