Consigli per (i soliti) studenti ribelli

Protestate per una formazione migliore, non contro la “schiavitù” del lavoro

Consigli per (i soliti) studenti ribelli

Un'immagine della manifestazione di Roma (foto LaPresse)

Hanno ragione gli studenti che ieri manifestavano contro l’alternanza scuola-lavoro che da quest’anno prevede ore di formazione presso aziende? Sì, se indirizzano la protesta verso tirocini non pagati e sconnessi dai percorsi formativi. No, se contestano a priori l’idea che la scuola debba essere in primo luogo applicativa, e non l’enorme nomenclatura autoreferente quale sta sempre più diventando, il cui vero scopo è mantenere insegnanti e impiegati irretendo ragazzi e famiglie con lo slogan multiuso del diritto allo studio: variabile...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ravas

    14 Ottobre 2017 - 10:10

    Purtroppo il sindacato, o per meglio dire la CGIL, continua ad avvelenare il paese invitando a buttar via il bambino insieme all'acqua sporca. Solo così riesce ormai a riempire le piazze, suonando il piffero che incanta folle di giovani in cerca della loro strada. Alternanza scuola - lavoro è un'ottima cosa: farla coincidere con gli abusi ed i reati denunciati è un pessimo servizio al Paese, in primis ai giovani. Come lo fu la battaglia contro i voucher, purtroppo assecondata da un governo debole, pronto ad aggrapparsi ad ogni fuscello pur di non annegare. Così purtroppo annega il Paese!

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    14 Ottobre 2017 - 03:03

    Istituzionalmente il compito di "formare i cittadini", spetta alla scuola pubblica. Oddio, visto cosa partorisce, non sarebbe meglio ricorrere al principio di "sussidiarietà"?

    Report

    Rispondi

  • robyv73

    13 Ottobre 2017 - 21:09

    Non mi stupisco se gli studenti ritengono sbagliato dover lavorare, tutti i giorni, tranne le eccezioni che sempre ci sono, hanno l'esempio palese che per avere uno stipendio fisso ed intoccabile non serve lavorare è più utile scioperare, manifestare, fare ricorsi ai TAR ... La scuola Italiana è la più grande macchina per lavare i cervelli che la sinistra ha installato nella nazione, visto che gli operai hanno capito che venivano presi puntualmente per i fondelli i sinistri sono passati ai loro figli "educandoli" da giovanissimi.

    Report

    Rispondi

Servizi