"Sui nomadi si fa soltanto una brutta campagna elettorale"

Parla Santino Spinelli, musicista, compositore, italiano di origine rom che ha anche insegnato all’università di Trieste e ha scritto molti saggi sui Rom in Italia

"Sui nomadi si fa soltanto una brutta campagna elettorale"

Un Flash mob di Fratelli d'Italia al Campidoglio contro il Piano Rom del Comune, lo scorso 6 giugno (foto LaPresse)

Dice: “Tutti fanno propaganda elettorale sui rom e tirano acqua al loro mulino. Tutti i politici hanno puntualmente dichiarato di voler smantellare i campi nomadi, che sono  una forma orrenda di segregazione razziale,  salvo poi altrettanto puntualmente far rimanere tutto come prima e peggiorare la situazione. Questo si verifica da circa quarant’anni”, spiega Santino Spinelli, musicista,  compositore, italiano di origine rom che ha anche insegnato all’università di Trieste e ha scritto molti saggi sui Rom in Italia.

 

Tuttavia il tipo di romanì riconoscibile con cui più spesso l’italiano comune entra in contatto dà fastidio: mendicante, o ladruncolo. E la soluzione che viene in genere indicata, adesso anche da Virginia Raggi, è quella dello smantellamento dei campi. “Guardi”, risponde Spinelli, “il 60 per cento della  popolazione romanì in Italia ha la cittadinanza italiana,  vive in casa ed è presente sulla penisola da oltre 6 secoli. La realtà romanì non è solo degrado,  ma anche arte, cultura,  lingua,  letteratura,  sport,  cinematografia, teatro, lavoro onesto e quant’altro. Detto questo, ‘eliminare i campi’ che significa? Una famiglia presa dal campo e posta in un appartamento,  senza un lavoro onesto e senza assistenza, nell’arco di tre o quattro settimane tornerà al campo dove vige un’economia di sopravvivenza (come in ogni forma di ghettizzazione) che crea dipendenza. La questione, quindi,  è molto più complessa degli stereotipi funzionali e sbrigativi proposti da chi in realtà non vuole risolvere il problema. E fa campagna elettorale”.

 

Intanto il sindaco Raggi annuncia la chiusura dei campi Barbuta e Monachina, grazie a fondi dell’Unione Europea. E i politici di destra protestano perché “si danno le case ai rom e non agli italiani”. Mentre l’associazione 21 luglio parla di un fake plan, dicendo che nei due anni previsti, sulla carta, per smantellare i villaggi di Barbuta e Monachina “usciranno solo 11 famiglie” e “per ognuna di queste verranno spesi 345mila euro”. Come stanno le cose in realtà? “Mi sento di dire questo”, risponde Spinelli, “l’inclusione passa non solo attraverso un alloggio stabile,  ma anche attraverso il lavoro,  l’assistenza sanitaria, la scolarizzazione e la promozione sociale. Se non si pensa a queste cose, è tutto inutile. La realtà è che la situazione dei rom non cambia poiché ci sono interessi politici ed economici enormi. Le associazioni italiane di pseudo volontariato che ‘per mestiere’ si occupano di rom, ci sguazzano. Poi ci sono politici corrotti che ne traggono vantaggio, e altri spregiudicati che invece ne fanno strumento di propaganda per raccattare voti e vellicare gli istinti peggiori degli italiani. E’ una situazione marcia, disumana e criminale. E io sono scettico”.

 

Anche all’estero è così? Negli altri paesi europei come vanno le cose? “In Germania e in Spagna la situazione è decisamente migliore.  Solo in Italia esistono i campi nomadi. E non a caso l’Italia ha il triste primato di essere il paese più razzista d’Europa nei confronti dei rom. Questo dovrebbe far riflettere tutti.  Occorre un reale cambiamento e le autorità, le istituzioni, i politici e i mass media devono assumersi le loro responsabilità. Ma la domanda vera è: c’è questa reale volontà? Io attendo da trent’anni. E finora ho visto soltanto campagne elettorali giocate sulla pelle delle persone”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    15 Giugno 2017 - 16:04

    Lo spazio corto mi ha impedito di chiarire che il villaggio era arroccato su una collinetta.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    15 Giugno 2017 - 16:04

    La Spagna ha un territorio doppio dell'Italia , poi tolti Alpi e Apennini è triplo. Ho giratao qua e là in Spagna ed è vero che i rom sono integrati ma la mia esperienza in loco mi ha mostrato ( forse situazioni singolari ) villaggi extra urbe con unica etnia. Tra loro onesti lavoratori altri furto y commercio. Un amico spagnolo mi ha portato in uno di questi villaggi dove ho acquistato mobiletti di pregevole fattura ( vecchi o antichi ,ninzò) e una Cena in metallo a sbalzo in una cornice 70x90 pregevolissima di 9cm con bordo intarsiato. Dopo al secondo acquisto sono stato invitato a pranzo e ho gustato dei gamberi di fiume da favola . .Era agosto il caldo infernale ma mi godei il pranzetto al fresco perchè il villaggio era attraversato da un largo corridoio sul quale si affacciavano le abitazioni e ove erano i tavoli . C'è una legge fisica che i rom certo non conoscono per stare al fresco . Se qualche pensatore propone il metodo Spagna in Italia c'è sempre la neuro .

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    15 Giugno 2017 - 16:04

    La Spagna ha un territorio doppio dell'Italia , poi tolti Alpi e Apennini è triplo. Ho giratao qua e là in Spagna ed è vero che i rom sono integrati ma la mia esperienza in loco mi ha mostrato ( forse situazioni singolari ) villaggi extra urbe con unica etnia. Tra loro onesti lavoratori altri furto y commercio. Un amico spagnolo mi ha portato in uno di questi villaggi dove ho acquistato mobiletti di pregevole fattura ( vecchi o antichi ,ninzò) e una Cena in metallo a sbalzo in una cornice 70x90 pregevolissima di 9cm con bordo intarsiato. Dopo al secondo acquisto sono stato invitato a pranzo e ho gustato dei gamberi di fiume da favola . .Era agosto il caldo infernale ma mi godei il pranzetto al fresco perchè il villaggio era attraversato da un largo corridoio sul quale si affacciavano le abitazioni e ove erano i tavoli . C'è una legge fisica che i rom certo non conoscono per stare al fresco . Se qualche pensatore propone il metodo Spagna in Italia c'è sempre la neuro .

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    15 Giugno 2017 - 14:02

    Quindi se lasciano l'appartamento a loro riservato e tornano al campo è ghettizzazione. Con questo presupposto si può raccontare ciò che si vuole, anche che sono giustificati a rubare perchè gli italiani non gli danno un lavoro onesto, quegli egoisti. Però non si parli di ladri, per carità, ma di 'ladruncoli' che danno fastidio ai derubati. Quegli intolleranti. Ma smettiamola.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi