Prendere le tasse di altri per darle ai poveri non è francescano

San Francesco, apre oggi ad Assisi un convegno di ipocredenti e miscredenti che sfruttano il tuo nome per farsi belli ossia mostrarsi buoni. Mi preoccupa in particolare Andrea Riccardi

Prendere le tasse di altri per darle ai poveri non è francescano

Presunto ritratto di San Francesco realizzato da Cimabue

San Francesco, apre oggi ad Assisi un convegno di ipocredenti e miscredenti che sfruttano il tuo nome per farsi belli ossia mostrarsi buoni. Fra i relatori del parassitario “Cortile di Francesco” mi preoccupa in particolare Andrea Riccardi, immigrazionista e coerentemente sincretista (“C’è bisogno di una unificazione spirituale” ha dichiarato qualche giorno fa): ogni volta che parla mi sento il portafoglio più leggero. Riccardi da ogni possibile pulpito continua a dire che gli italiani non fanno abbastanza per l’Africa e che lo stato (noi contribuenti) dovrebbe mandare ancora più soldi laggiù. San Francesco, proprio ieri, rileggendo le vite dei Santi narrate da Iacopo da Varagine, mi sono imbattuto in un episodio che casca a fagiuolo. Durante un viaggio tu e un tuo frate trovaste per strada “una grande borsa tutta gonfia di denari”. Il frate voleva prenderla per distribuirne il contenuto ai poveri ma tu glielo impedisti: “Figlio mio, non si possono prendere le cose d’altri”. San Francesco, ti prego di far sapere a Riccardi che prendere le tasse d’altri, finanche per darle ai poveri, non è francescano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    14 Settembre 2017 - 23:11

    A Camillo una stretta di mano e un abbraccio.

    Report

    Rispondi

  • giorgio.coen

    14 Settembre 2017 - 14:02

    cosa risaputa. sui migranti l'Italia e' in maggioranza contraria ad ospitare i giovanotti africani in cerca di miglioramenti economici.

    Report

    Rispondi

  • NAPOORSO

    14 Settembre 2017 - 09:09

    Amen

    Report

    Rispondi

Servizi