Criteri per scegliere una fidanzata (non solo dell'est)

Non venga censurata o stravolta la lista di "Parliamone Sabato", il programma di Paola Perego. Venga piuttosto rititolata

Criteri per scegliere una fidanzata (non solo dell'est)

Gli ormai famosi “Motivi per scegliere una fidanzata dell'est” non vengano censurati o stravolti, vengano piuttosto rititolati “Criteri per scegliere la fidanzata”. Il punto 2, l'essere sempre sexy evitando tute e pigiamoni, è uno storico cavallo di battaglia di Costanza Miriano adesso perfezionato dalla sessuologa belga Thérèse Hargot che per salvare il matrimonio esorta a dormire nudi. Il punto 3, sul perdono delle scappatelle, deriva da un insegnamento di Gesù Cristo (Luca 6,37) e pertanto non è opinabile. Il punto 4, il lasciar comandare lui, non garantisce solo l'uomo, garantisce anche la donna che così facendo non si ritroverà a dividere la propria vita con un mollusco. Eccetera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Dario

    Dario

    21 Marzo 2017 - 16:04

    Si faceva prima a dire che il modello di donna in questione corrisponde perfettamente a quella del ventennio: solida fattrice, donna di casa, remissiva col suo uomo-padrone a cui perdona le inevitabili scappatelle (si sa, siamo uomini). Solo il bando ai pigiamoni e alle tute non si sarebbe letto perché ancora dovevano inventarli - e ovviamente l'aggettivo 'sexy' sarebbe stato aspramente bandito, giustamente peraltro. Ecco, siamo fermi lì.

    Report

    Rispondi

  • GianniM

    21 Marzo 2017 - 16:04

    Qual è il modo migliore per screditare un valore? Farne la caricatura. Le “qualità” delle donne dell’Est apprezzate da alcuni maschi italiani in quel sondaggio (o costruite a tavolino da una redazione che ha scherzato col fuoco) sono la caricatura delle virtù femminili (oltre che la caricatura delle donne dell’Est, che sono così solo nell’immaginario di qualcuno). La disponibilità della donna, la sua capacità di perdonare, di rendersi attraente, di riconoscere un ruolo forte al marito, sono virtù – purtroppo in disuso - se frutto di scelte consapevoli, non se espressione di remissività (la Madonna SCELSE di accettare il progetto di Dio). Anche il “maschio” che sogna una bambolona ai suoi piedi è la caricatura dell’uomo forte: il quale, come insegna San Paolo, dovrebbe piuttosto offrire la sua vita per la moglie; dovrebbe essere disposto a dare – sia pure nei modi diversi che la sua virilità richiede – più di quanto riceve. Distinzione di ruoli non significa dominio di uno sull’altra.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    21 Marzo 2017 - 13:01

    camillo sempre imperdibile .luigi

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    21 Marzo 2017 - 11:11

    Bravo Langone a ricordare Costanza Miriano, una donna che può insegnare all'uomo come tornare ad essere coraggioso, diversamente dalle parodie di donna, ben esemplificate dalla Boldrini, sterilizzate dal vuoto dell'edonismo occidentale, terrorizzate dalla verità emersa nel programma della Perego. E' la globalizzazione bellezze! Le donne hanno educato il mondo, ma poi troppe fra loro hanno scelto di scimmiottare il peggio dei maschi nel loro cinismo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi