"No al tedesco. Al voto con una lista con Calenda e Pisapia"

La distanza con Grillo, la legge elettorale, il caso Fincantieri. Parla Martina, ministro e vicesegretario Pd

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

"No al tedesco. Al voto con una lista con Calenda e Pisapia"

Il ministro Maurizio Martina (foto LaPresse)

Roma. C’è grande crisi a Roma, nella giunta Raggi, ma il ministro per le Politiche Agricole Maurizio Martina, anche vicesegretario del Pd, Roma non la commissarierebbe, pensiero che pure non pare peregrino a molti cittadini ed esponenti politici. Però, pensando a Roma dopo aver visto Milano durante l’Expo, Martina dice che nella capitale, prima ancora delle scelte amministrative, il problema è “l’atteggiamento di chi la governa. Roma meriterebbe uno stile diverso, un sindaco che si carichi della propria responsabilità, una...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    04 Agosto 2017 - 10:10

    Che ne pensa Renzi degli intenti manifestati dal ministro e suo vicesegretario? E che ne pensa Franceschini, leader in ombra di entrambi? Poi dice che nel Pd hanno poche idee ma confuse. E che Grillo in questa confusione ci sguazza. Sarà mica un caso che provvedimenti importanti e decisivi finiscano per essere approvati in parlamento con i voti favorevoli dei berlusconiani, e non dei rappresentanti di quella sinistra sinistra cui il Pd dovrebbe elettoralmente allearsi? Allearsi con chi ma soprattutto per che cosa fare sembra domanda pregiudiziale a chi vuol governarci. Non una barzelletta di mezza estate.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    04 Agosto 2017 - 00:12

    Detto da Roma e dopo aver letto il Martina pensiero viene da dire. "A Marti ma che hai detto? Nun ciò capito na minchia. Aricapitola".

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    03 Agosto 2017 - 15:03

    Come possono andare d'accordo Calenda e Pisapia lo immagina solo il ministro Martina. Ecco perché in Italia impera la confusione poltica!

    Report

    Rispondi

Servizi