Ambasciata francese: "Nessun contatto con Di Maio"

Così l'ambasciata di Francia smonta la fake news grillina sui Canadair arrivati grazie al vicepresidente della Camera

La bufala dei Canadair arrivati grazie a Di Maio

Il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, ha scritto mercoledì 12 luglio di essere intervenuto personalmente per ottenere aerei Canadair dagli stati confinanti con l’Italia per domare gli incendi che hanno colpito quattro regioni italiane: “Dovrebbe farlo il Ministro degli esteri. Ma mi sono attaccato al telefono e sto sentendo io le ambasciate una ad una”.

Lo ha anche detto in video: “Ho chiamato le ambasciate degli stati confinanti con l’Italia a una a una e alcune sono state molto disponibili”.

Giovedì 13 ha scritto di nuovo: “Sono stato tutta la sera al telefono con le ambasciate degli altri Stati europei per chiedere l'invio dei loro canadair, perché quelli a disposizione purtroppo non sono abbastanza. Sono in arrivo dalla Francia 3 aerei di cui due canadair. Grazie! Fate presto”.

Abbiamo chiamato l’ambasciata francese a Roma per sapere se le cose sono andate effettivamente così. Questa è la risposta dell’ambasciata: “Non abbiamo mai ricevuto una telefonata o un messaggio dal vicepresidente Di Maio, non c’è stato alcun contatto con lui”. Abbiamo chiesto se è possibile chiamare l’ambasciata francese per farsi mandare aerei Canadair a spegnere incendi in Italia. Risposta: “I Canadair sono stati mandati dalle autorità francesi su richiesta della Protezione civile italiana”. L’Italia confina con Austria, Città del Vaticano, San Marino, Slovenia, Svizzera e Francia. La Francia è l’unico paese confinante con l’Italia ad avere in dotazione gli aerei Canadair.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mario.patrizio

    15 Luglio 2017 - 08:08

    Aspetto di leggere il commento risentito del nostro. Che fa, tace?

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      15 Luglio 2017 - 23:11

      No, ha cavillato sul senso letterale di alcune frasi sorvolando su quelle interessanti, come quello che pensa di essere il più furbo di tutti. Di tutti i suoi elettori è più furbo di sicuro, mentre per chiunque abbia superato la terza elementare si è confermato quel piccolo truffatore di provincia che è sempre stato.

      Report

      Rispondi

  • perturbabile

    14 Luglio 2017 - 21:09

    Anzichè inviare quotidianamente l'accusa di impostore al di là dell'Atlantico, indirizziamo documentatamente l'epiteto a questo bugiardone di casa nostra, che per di più rischiamo di ritrovarci presidente del consiglio (ve l'immaginate?)!. Elemento sì da cui star lontani, per prudenza, EPPURE da osservare attentamente, come fa il (bravo!) Foglio.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    14 Luglio 2017 - 19:07

    Tutto come previsto, tutto sta funzionando: stanno aprendo il Parlamento Italiano come fosse una scatoletta di tonno. Questo patetico pericolosissimo personaggio al quale mancano solo un paio di stupidi baffetti, è VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA. La pena che provo mi impedisce di trovare parole per esprimermi meglio. Le lacrime agli occhi sostituiscono i vocaboli, che fuggono da me, e forse dall'Italia.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    14 Luglio 2017 - 19:07

    Lo sfacelo irreversibile del pensiero coincide con la perdita di ogni senso del ridicolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi