Un peccato la sconfitta europea di D'Alema

Il lìder Maximo alla guida delle fondazioni dei progressisti europei ci avrebbe dato la possibilità di modificare una vecchia battuta: “Il disastro, diciamo, è dove mi siedo io”

d'alema

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

Al direttore - Ma poi come si fa a tenere le fondazioni socialiste fuori dallo schieramento allargato?

Giuseppe De Filippi

Resto convinto che sia un’ingiustizia totale la cacciata di Massimo D’Alema dalla presidenza delle fondazioni dei progressisti europei. L’uomo che da vent’anni, con classe, eleganza e intelligenza, tenta di guidare verso l’irrilevanza la sinistra italiana in fondo poteva essere sfruttato meglio e sarebbe potuto diventare davvero un grande simbolo delle sinistre europee. Don Chisciotte, citato spesso da D’Alema, diceva che “capotavola è dove mi siedo io”. Un D’Alema alla guida delle fondazioni dei progressisti europei ci avrebbe dato la possibilità di modificare leggermente quella battuta e di avere un faro per il futuro delle sinistre mondiali attraverso un’espressione forse più consona alla situazione e al personaggio: “Il disastro, diciamo, è dove mi siedo io”. Ci mancherai, Max.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi