Al governo c’è un leader in marcia. En Calend!

Notevole l'applauso ricevuto dal ministro all'Assemblea di Confindustria. Il ministro dello Sviluppo ha trovato un suo pubblico

Al governo c’è un leader in marcia. En Calend!

Carlo Calenda (foto LaPresse)

Al direttore - Dice Calenda che “essere considerato tecnico ormai è un gap”. Facciamo artista?

Giuseppe De Filippi

Notevole l’applauso ricevuto ieri da Calenda all’assemblea di Confindustria. Notevole il passaggio sulla Rai che va privatizzata. Notevole anche un passaggio molto applaudito del discorso del ministro dello Sviluppo: “Non serve una tessera di partito per dire propria idea”. Può piacere o no ma al governo c’è un leader in marcia che ha trovato un suo pubblico. Il pubblico oggi è quello di Confindustria ed è anche quello che si muove intorno al giro del Corriere. Oggi è questo. Domani chissà. En Calend!

 

Il manifesto politico di Carlo Calenda

All'Assemblea di Confindustria il ministro dello Sviluppo Economico parla di Europa, crescita, privatizzazioni, lavoro. E avverte: “Lo spazio della discussione pubblica non è riservato ai politici di professione”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    25 Maggio 2017 - 19:07

    Anche il Foglio si aggrappa all'homo novellus ?

    Report

    Rispondi

  • efis.loi

    25 Maggio 2017 - 16:04

    A stretto giro di Corriere. E' vero, una volta il giro era molto più largo e ci volevano patti di sindacato per tenerlo assieme. Ma ora, piaccia o meno, siamo nell'era dell'uomo solo al comando. Finalmente, fatto il giro delLa7 chiese, esplode Calendimaggio. Era dal 1974 che si inghiottivano i sorci verdi di Repubblica.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    25 Maggio 2017 - 15:03

    Come avevo commentato, più di un mese or sono, Calenda con Parisi potevano essere, singolarmente, delle alternative al Giamburrasca: dal discorso di Calenda, riportato oggi dal Foglio, ho avuto l'impressione di una strategia rispetto al "tattichellum" della quasi totalità antica e dell'oggi dei politici italiani a tutti i livelli che ci ha ridotto a essere fanalino di coda dell'Europa.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    25 Maggio 2017 - 14:02

    Al direttore - Se può. suggerisca a Calenda, di non esporsi più che tanto. Tutta l'intellighenzia nostrana, imbalsamata "vizio vecchio per antico pelo" e gli interessi frammentati, per la difesa dei loro status, aborrono i rampanti "Mica si metteranno in testa - cogitano - di cambiare qualcosa?" L'opinione pubblica la portano dove vogliono loro. Si validus Calenda est: lento pede.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi