I titoli del Fatto sono un po' sottotono

Ridateci quello stile brioso che ci ha regalato “premierminkia”

I titoli del Fatto sono un po' sottotono

Marco Travaglio alla presentazione del "Fatto Quotidiano"

Ridateci lo stile brioso del Fatto, quei nomignoli tipo Renzi premierminkia e il Pompiere della Sera, quei titoli tipo “I pizzini inguaiano papa Renzi”, “Verdini e Napolitano fanno la festa alla Costituzione” e altre facezie giocate sul registro sofisticato che già ci diede il Cainano. E invece, cosa sta succedendo? In questi giorni il sito del Fatto quotidiano s’è trovato a ingoiare cattive notizie e pure di fretta, prima il no a Beppe Grillo pronunciato dal giudice di Genova sulla faccenda Cassimatis e poi la faccenda del carabiniere che manipolava le prove per incastrare Tiziano Renzi. Così, accantonati per una volta i titoli sapidi e le invenzioni a fuoco d’artificio, il sito del Fatto quotidiano reagisce con titoli paludatissimi, che pure un leguleio dovrebbe leggere un paio di volte per comprendere, e che dal punto di vista formale sono perfetti – sono veri – ma che schermano la verità delle cose. Ecco il titolo sulla faccenda di Genova: “Movimento 5s. Tribunale su Cassimatis. Sospesa l’efficacia del voto, ‘Il garante non può intervenire su candidati locali’”. Sospesa l’efficacia del voto? Il garante? Se volevamo lezioni di diritto non compravamo il Fatto quotidiano. Non sarebbe bastato scrivere: ennesimo schiaffo di un giudice a Grillo? Ed ecco il titolo del sito per la notizia della manipolazione Consip: “Caso Consip, indagato capitano del Noe. ‘Nelle trascrizioni ha attribuito a Romeo l’incontro con T. Renzi, ma era Bocchino”. Quanti giri inutili. Possiamo suggerire “Sottufficiale dei carabinieri falsava gli atti dell’inchiesta su papà Renzi”?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    13 Aprile 2017 - 11:11

    Se cominciassimo dal chiarire se si tratta di un capitano o di un sottufficiale? Le piccole confusioni contribuiscono anch'esse alla confusione generale, che è di non poco momento.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    12 Aprile 2017 - 09:09

    A proposito delle ultime nuove sul fronte giudiziario, ora pare che ritorni alla ribalta il nome dell'On. Bocchino, gia' gran protagonista accanto all'on. Fini della epica battaglia per abbattere Berlusconi ed il suo governo, cui i media assicurarono straordinaria visibilita'. Almeno il Foglio potrebbe dedicare qualche riflessione su vicende che hanno segnato profondamente la storia politica di questi ultimi anni avendo come protagonisti di primo piano una coppia di onorevoli oggi agli onori delle cronache per altri sgradevoli motivi. Gira e rigira sempre nell'ambito delle Procure siamo costretti a guardare. Ma mi sorprende che pure il Foglio ora gioisca se un tribunale boccia una scelta politica ( opinabile come tutte le scelte politiche, ma giudicabile dagli elettori sovrani) di un leader, ancorché nel caso si chiami Grillo. L'affermazione del primato della politica, ovvero della sovranita' popolare, oso pensare non ammetta eccezioni.

    Report

    Rispondi

Servizi