E se regalassimo un manuale di giustizia costituzionale al Fatto quotidiano?

Il quotidiano diretto da Marco Travaglio enfatizza il contenuto di un’ordinanza di rimessione alla Corte costituzionale del Tar Abruzzo sulla legge Madia e riscrive i fondamenti della giustizia costituzionale

E se regalassimo un manuale di giustizia costituzionale al Fatto quotidiano?

Foto LaPresse

Nel nostro ordinamento giuridico non è previsto il controllo diffuso di costituzionalità. Ogni singolo giudice può però richiedere alla Corte costituzionale di pronunciarsi sul dubbio di legittimità costituzionale di una legge o un atto avente forza di legge che è sorto in capo all’organo giurisdizionale nel corso dello svolgimento di un processo civile, penale o amministrativo.

 

L’ordinamento richiede che il giudice si convinca che il dubbio circa il contrasto fra la legge e la Costituzione Repubblica sia semplicemente “non manifestamente infondato”, atteso che dichiararlo fondato o infondato nel merito spetta solo alla Consulta. Nessun magistrato, nessun collegio può annullare la legge voluta dal Parlamento, proprio perché tale compito spetta, come detto, solo alla Corte costituzionale.

 

Si tratta di nozioni comuni la cui conoscenza è richiesta agli studenti del primo anno di giurisprudenza o di scienze politiche e che oramai, per la verità, sono a disposizione di tutti coloro che seguono anche distrattamente le vicende pubbliche del nostro Paese.

 

Capita pressoché tutti i giorni che la Corte costituzionale riceva ordinanze provenienti dai giudici che sottopongono i loro dubbi circa la compatibilità fra la legge ordinaria e le norme delle Carta costituzionale. Molte questioni vengono respinte dalla Consulta, altre vengono dichiarate inammissibili (quando difetta il requisito della cosiddetta rilevanza), altre ancora vengono giudicate fondate cosicché la legge risulta espunta dall’ordinamento giuridico.

 

Con un articolo pubblicato giovedì 17 agosto “Il fatto quotidiano” ha tuttavia riscritto le regole della giustizia costituzionale italiana.

 

Nel commentare l’ordinanza (scambiata erroneamente per sentenza) con la quale il TAR Abruzzo ha espresso dubbi sulla legittimità costituzionale della legge Madia sull’assorbimento dei forestali nei ranghi dei carabinieri o di altre forze a ordinamento militare, il quotidiano diretto da Marco Travaglio ha pensato bene di affermare che la semplice ordinanza di rimessione dei giudici amministrativi abbia di già decretato l’incostituzionalità della predetta legge di riforma militare.

 

Anticipando il giudizio della Corte costituzionale o, più realisticamente, confondendo un’ordinanza di rimessione che esprime un dubbio di non manifesta infondatezza con una sentenza definitiva della Consulta, “Il fatto Quotidiano” ha parlato “dell’ultima mazzata alla legge Madia” ed ha erroneamente sottolineato, come se fosse una notizia, l’ovvio e cioè che i magistrati amministrativi non hanno accolto la richiesta “di annullamento della legge Madia”, Ma il TAR non avrebbe mai potuto annullare una legge perché questo compito spetta alla Consulta.

 

Ma al “Fatto” non si sono arresi ed hanno costruito una bellissima chiusa dell’articolo con la quale è stato ribadito (ancora una volta erroneamente) che i Giudici hanno rilevato come fondati i motivi di incostituzionalità addotti dal ricorrente. Il Giudizio è, pertanto, concluso. Anzi, no, perché alla fine l’autore del pezzo ha scritto che gli atti sono stati trasmessi alla Corte costituzionale per il giudizio di merito. Finalmente una cosa corretta.

 

E se regalassimo un manuale di giustizia costituzionale a Travaglio e compagni?

Rocco Todero

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauroumb

    30 Ottobre 2017 - 17:05

    Ottima idea purchè in edizione economica . Perchè non si lancia una sottoscrizione ?

    Report

    Rispondi

  • mario.patrizio

    17 Agosto 2017 - 19:07

    Non ne hanno bisogno. I fatti che non coincidono con i propri pregiudizi sono scartati (legge di Murphy aggiornata).

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    17 Agosto 2017 - 17:05

    Un manuale di giustizia costituzionale? Quelli leggono solo le istruzioni sulle manette e su come si mette il sapone sul nodo delle corde delle forche.

    Report

    Rispondi

Servizi