La guerra dei Cinque stelle al libero scambio preoccupa l'Ue

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Financial Times, Les Echos, Figaro, Pais

La guerra dei Cinque stelle al libero scambio preoccupa l'Ue

La sconfitta del Pd al Senato suscita preoccupazioni per la tenuta della coalizione di governo

 

Londra, 7 apr - (Agenzia Nova) - Il Partito democratico, al governo in Italia, riferisce il "Financial Times", è stato sconfitto in un voto al Senato: al suo candidato alla presidenza della commissione Affari costituzionali è stato preferito un esponente di Alternativa popolare, alleato nella coalizione di maggioranza. L'episodio ha suscitato preoccupazioni per la tenuta del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che investitori e decisori sperano rimanga al suo posto fino al termine della legislatura.

Continua a leggere l'articolo del Financial Times

 


 

Il Movimento 5 stelle prende di mira gli accordi di libero scambio

 

Londra, 7 apr - (Agenzia Nova) - I membri del Movimento 5 stelle, riferisce il "Financial Times", hanno indicato come priorità della politica estera l'opposizione agli accordi di libero scambio oggetto di negoziati dell'Unione Europea, una scelta che evidenza una crescente inclinazione al protezionismo in Italia, terza potenza economica dell'area dell'euro. L'M5s sta sviluppando la sua piattaforma politica mediante una serie di votazioni online che presenta come un modello di "democrazia diretta": sugli esteri, ai partecipanti è stato chiesto di indicare tre politiche prioritarie fra dieci proposte; ha votato il 17 per cento dei 135 mila iscritti.

Continua a leggere l'articolo del Financial Times

 


 

Vivendi vuole la maggioranza nel consiglio di Telecom Italia

 

Parigi, 7 apr - (Agenzia Nova) - Il gruppo multimediale francese Vivendi fa un ulteriore passo nella sua presa di controllo di Telecom Italia: già azionista di riferimento con il 24,5 per cento del capitale, la holding dell'uomo d'affari Vincent Bolloré intende ottenere i due terzi dei seggi nel consiglio di amministrazione che sarà nominato dall'assemblea degli azionisti in programma per il 4 maggio prossimo; in quell'occasione inoltre il presidente di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, si candiderà alla presidenza dello storico operatore telefonico italiano. Se la duplice manovra andrà in porto, scrive il quotidiano francese "Le Figaro", Vivendi otterrebbe il titolae controllo di Telecom Italia senza neppure aver bisogno di lanciare una costosa Opa.

Continua a leggere l'articolo del Figaro

 


 

L’Italia riconsce che i suoi poliziotti hanno torturato a margine del G8 di Genova

 

Parigi, 7 apr - (Agenzia Nova) - Due anni fa la Corte europea dei diritti dell'uomo aveva condannato l'Italia per non aver punito gli genti di polizia autori di maltrattamenti "inflitti in maniera totalmente gratuita" e assimilabili ad episodi di tortura, nei confronti dei militanti alteromondisti pestati a sangue nella scuola Diaz e poi nella caserma di Bolzaneto, a margine del G8 del 2001 a Genova. Le violenze poliziesche avvenute quella notte sono entrate nella memoria collettiva degli italiani come una delle pagine più nere della loro storia, insieme alla morte dello studente Carlo Giuliani avvenuta nei precedenti scontri. Ora il governo italiano ha finalmente soddisfatto una delle ingiunzioni della Corte riconoscendo la responsabilità dello Stato in quegli avvenimenti e versando un indennizzo a sei delle vittime di quelle violenze per i danni fisici e morali subiti.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Moda: dopo il no di Atene la sfilata di Gucci sbarca nella galleria Palatina di Palazzo Pitti

 

Madrid, 7 apr - (Agenzia Nova) - La casa di moda Gucci, "consacrata come una firma influente, innovatrice e d'avanguardia che ha superato un grande buco economico e creativo, non si è buttata giù dopo il no di Atene per la sfilata al Pantheon". Lo scrive il quotidiano spagnolo "El Pais" presentando la decisione della sigla italiana di portare la "cruise collection 2018" nella galleria Palatina di Palazzo Pitti. L'articolo si sofferma sulla figura del direttore creativo Alessandro Michele, il "Michelangelo moderno" da cui l'industria della moda si attende un nuovo "brivido di emozioni".

Continua a leggere l'articolo del Pais

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi