Il passo dell'economia italiana e le fronde nel Pd

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Wall Street Journal, Figaro, Financial Times, Washington Post...

Il passo dell'economia italiana e le fronde nel Pd

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

L'economia italiana accelera al miglior passo da sei anni

Londra, 15 feb 08:25 - (Agenzia Nova) - L'economia italiana, riferisce il "Financial Times", è cresciuta dello 0,2 per cento nel quarto trimestre dell'anno scorso: una crescita più debole del previsto, ma che ha mostrato la resilienza del paese in un contesto di incertezza politica e problemi nel settore bancario. Nell'intero anno il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,9 per cento, il risultato migliore dal 2010. La terza potenza economica dell'area dell'euro, tuttavia, resta indietro e, secondo le ultime previsioni della Commissione, è l'unico Stato membro dell'Unione Europea che si espanderà meno dell'uno per cento nel 2017.

Leggi l’articolo del Financial Times

Renzi ha fame di un'altra magia

Londra, 15 feb 08:25 - (Agenzia Nova) - Matteo Renzi, ex presidente del Consiglio italiano e leader del Partito democratico, è al centro di due commenti sul "Financial Times". Secondo Tony Barber il quadro economico delineato dalle ultime previsioni della Commissione europea serve a comprendere perché Renzi voglia il congresso: sbaragliare i suoi oppositori interni e ottenere un nuovo mandato per presentarsi alle elezioni, tornare a Palazzo Chigi e rilanciare l'economia. La conseguenza più probabile, però, è il rinvio del voto, non a giugno, come sembrava possibile, ma a fine legislatura. L'aspetto positivo è una tregua sui mercati finanziari; quello negativo è un altro anno perso per le riforme. Per James Politi, tuttavia, Renzi potrebbe sopravvalutare la sua presa sul Pd. Deve guardarsi non solo da Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, ma anche da Andrea Orlando e Dario Franceschini, ministri rispettivamente della Giustizia e dei Beni culturali. Inoltre, potrebbero esserci divergenze con l'attuale capo del governo, Paolo Gentiloni, sull'eventuale aumento delle tasse per soddisfare le richieste dell'Unione Europea: la critica di Renzi all'Ue potrebbe rendere la vita difficile a Gentiloni.

Leggi l’articolo del Financial Times

L'Italia negozia con l'Ue il salvataggio della banche venete

New York, 15 feb 08:25 - (Agenzia Nova) - L'Italia sta discutendo con le autorità europee un piano da 5 miliardi di euro per il salvataggio pubblico di Banca popolare di Vicenza e Veneto banca. Lo riferiscono fonti citate da "Reuters", secondo cui le trattative sono ancora ad uno stadio preliminare. Roma starebbe approntando piani per la ricapitalizzazione precauzionale delle banche, una formula che consente agli Stati dell'eurozona di iniettare denaro dei contribuenti negli istituti di credito in difficoltà.

Leggi l’articolo del New York Times

Italia, condannati due terroristi dello Stato islamico

New York, 15 feb 08:25 - (Agenzia Nova) - Una corte di Milano ha condannato ieri un italiano di origini marocchine, Abderrahim Moutaharrik, e la moglie Salma Bencharki per il reato di terrorismo internazionale. I due sono stati riconosciuti colpevoli d'aver pianificato un attentato a Roma in connessione con lo Stato islamico. I due sono stati arrestati lo scorso aprile: stavano preparando un attentato in occasione del Giubileo della Misericordia indetto dal Papa lo scorso anno.

Leggi l’articolo del Washington Post

 

 

PANORAMA INTERNAZIONALE


 

Eurozona, dati sulla crescita rivisti al ribasso

New York, 15 feb 08:25 - (Agenzia Nova) - L'economia dell'eurozona è cresciuta nel quarto trimestre 2016 meno di quanto inizialmente stimato. E' quanto riferisce Eurostat, che ha corretto i dati trimestrali ed annui: tra ottobre e dicembre dello scorso anno il pil dell'eurozona è cresciuto dello 0,4 per cento, anziché dello 0,5 per cento riportato a fine gennaio; la crescita è stata dell'1,6 per cento su base annua. Eurostat conferma comunque il buon andamento dell'economia dell'eurozona, che dovrebbe essere confermato nel primo trimestre di quest'anno.

Leggi l’articolo del Wall Street Journal

Parigi, Berlino e Roma vogliono controllare meglio gli investitori stranieri

Parigi, 15 feb 08:25 - (Agenzia Nova) - La Francia, la Germania e l'Italia vogliono che l'Unione Europea inasprisca le regole sugli investimenti stranieri nelle imprese che utilizzano tecnologie sensibili, sottomettendoli in particolare all'obbligo della reciprocità: ieri martedì 14 febbraio i ministri dell'Economia dei tre paesi hanno inviato una lettera alla commissaria Ue al Commercio, Cecilia Malmström, con la quale hanno inoltre auspicato che anche l'apertura del mercato europeo degli appalti pubblici sia condizionata alla regola di reciprocità. Il passo arriva in un momento in cui la Germania in particolare è molto preoccupata per l'appetito degli investitori cinesi per le sue società tecnologiche. A contribuire ad accelerare le riflessioni in corso in Europa sulla questione, oltre all'aumento delle ambizioni cinesi è stato l'arrivo alla Casa Bianca del nuovo presidente Usa Donald Trump, che in campagna elettorale si è fatto portavoce di una politica economica molto protezionista.

Leggi l’articolo del Figaro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi