Federico Rampini e il Global warming. Un tema

Per me ha ragione Trump

Federico Rampini e il Global warming. Un tema

Federico Rampini al Festival Economia di Trento

Titolo: Federico Rampini e il Global warming. Svolgimento (esame III media scuola parificati Luigi Einaudi Ragusa).

 

Ieri a Bologna il ministro dell'Ambiente di Trump ha lasciato il vertice dei suoi colleghi del G7. Motivo? Abolizione dei cannoni sparaneve per contenere il riscaldamento della terra (Articolo 1 del Trattato sul clima di Parigi). Per me ha ragione Trump. Ma cosa aboliamo i cannoni sparaneve? Questi oltre a far lavorare chi li fa, permettono a tutto l'Arco alpino di lavorare nel turismo anche senza neve. Federico Rampini è contro. Vuole abolirli. Scusi non per mancare di rispetto ma è uscita la classifica delle persone al mondo che hanno preso più aerei. Lei è al secondo posto dopo i Rolling Stones. Ha fatto ben 350 mila viaggi tra Italia-Cina-Italia-Usa. Ha preso più aerei del console generale del Marocco a Cuba che va avanti e indietro tutti i giorni. Io sono a favore dell’aviazione civile perché fa lavorare tanta gente, però è causa di global warming (un po’). E allora? Aboliamo? I Rolling Stones però non fanno quelli che gli dispiace sul clima.

 

P.s. Commento commissione esame: il ragazzo ragiona da cretino per noi non è maturo per la licenzia media inferiore. Poi ci risulta non sia nemmeno proveniente da ambienti che frequentano il sentire comune. Sarà scemo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    14 Giugno 2017 - 14:02

    Ho questo dubbio, sig. Rampini (sarò scemo?): ma se i cannoni sparaneve riscaldano la terra, non sciolgono subito la neve?

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    14 Giugno 2017 - 13:01

    Federico : enough is enough ! Please a hair cut : Einstein is "over".

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    14 Giugno 2017 - 13:01

    Ottimo articolo. A parte che la pettinatura di Rampini è identica quella della mia professoressa delle medie (1950) è che come giornalista è uno di quelli strani di moda in Italia,ce ne sono molti altri ,che a forza di andare in America si fanno doppio passaporto e con la scusa che sono americani daje addosso a Trump, come se Giuliano Ferrara fosse svizzero. E tutte le sera a Rai3 un Linea notte tra lo scervellato e il banale comune ci mostra una pasionaria che prima o dopo la vedremo en marce contro Trump invece di fare i cazzi suoi di corrispondente .

    Report

    Rispondi

Servizi