Siracusa ultima vittima del dogma ambientalista delle procure

I magistrati rilevano un “peggioramento della qualità dell’aria” e pongono sotto sequestro il petrolchimico

Siracusa ultima vittima del dogma ambientalista delle procure

L'impianto petrolchimico di Siracusa

Roma. Alcuni giorni fa, i tre impianti di raffineria più importanti in Italia sono stati posti sotto sequestro preventivo dalla magistratura con l’accusa di inquinamento ambientale. Si tratta degli stabilimenti che compongono il polo petrolchimico di Siracusa: uno di proprietà della Esso, che fa capo alla multinazionale ExxonMobil, e gli stabilimenti Isab Nord e Isab Sud che invece sono di proprietà dei russi di Lukoil. Gli impianti lavorano circa 20 milioni di tonnellate di petrolio all’anno, dando lavoro a duemila...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    03 Agosto 2017 - 15:03

    Chiosa : e ci riescono alla luce di troppe troppe condanne per inquinamento ambientale che è uuna mera valuitazione statistica se valutata su le morte per il resto è la lettura della palla di vetro.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    03 Agosto 2017 - 12:12

    A me questi 'al lupo al lupo ' su la aria inquinata non convincono. 30 anni fa qualche furbone mise in commercio delle scatolette tipo tonno con scritto Aria di Roma. . Qualche turista curioso tornato a casa fece analizzare quell'aria e scoprì che salvo qualche elemento chimico e qualche particella materiale le due arie erano h2o. Sono sicuro che gli inaffidabili ambientalisti se racchiudessero l'aria in scatole ermetiche dei luoghi che loro sostengono inquinati e poi le spediscono a Los Angels il laboratorio di ricerca risponderebbe " Ahò ma questa è l'aria di Los Angeles ,che vùlite che falsiamo il referto?". Per mala fide o per reclame di sè c'è gente che manderbbe la nonna in galera.

    Report

    Rispondi

  • Marystrel

    03 Agosto 2017 - 09:09

    Il "dogma ambientalista"? Io ve la farei respirare a voi quell'aria velenosa 24 ore al giorno! Come si vede che parlate senza vivere a Siracusa... senza respirare quell'immondizia di aria avvelenata; vergogna. Invece di dire "speriamo che finalmente rispettino quei poveri cristi di cittadini e il loro diritto a potere respirare aria normale" spunta fuori un simile titolo; ribadisco: vergogna. Non c'è alcun rispetto per i poveri siracusani, abbandonati ad una politica mafiosa regionale e nazionale. Mi viene solo da vomitare pensando a quanto tutti siano distanti dalla realtà nera che affligge questa sfortunata provincia.

    Report

    Rispondi

Servizi