Il voto dei cattolici in Francia ha un peso, ma non sarà quello decisivo

Aborto e nozze gay non sono temi di campagna, i candidati si guardano bene dal farsi stanare. La più efficace, al momento, è Marine Le Pen

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

marine le pen cattolici elezioni francia

Il comizio di Marine Le Pen a Bordeaux (foto LaPresse)

C’è da essere scettici sul voto cattolico cosiddetto, in Francia. Fillon dice che porta al governo il braccio politico del movimento che riempì le piazze contro le nozze gay. E divora ostie, a Pasqua anche in una chiesa ortodossa. Macron ricorda di essersi battezzato da adolescente, per scelta, prima di andare a scuola dai gesuiti dove incontrerà in una professoressa di Lettere il grande amore coniugale. Mélenchon si propone anche lui, specie ora che ha cominciato a crederci, come un...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • margherita.baselli

    20 Aprile 2017 - 22:10

    lei ha proprio ragione.c è un Dio francese e Uno americano.in francia oggi cè un po di confusione.forse succederà ancora qualche cosa prima delle elezioni.anche i cristiani sono confusi e spesso poco motivati.giovanni b.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    20 Aprile 2017 - 14:02

    Non sarà decisivo, può darsi. Ma si ritorna la suo "Popolo contro individui" Mi butto:analisi, alla buona, spicciativa, ba minus habens, delle cause che hanno portato alla “forma” attuale del dissidio, che peraltro è sempre esistito, tra popolo e individui. Alfabetizzazione di massa, cultura di massa, suffragio universale, libertà a 360°, democrazia di massa, diritti alle stelle, doveri alle stalle, la rete a portata di mano. L’insieme di queste condizioni, che appaiono eticamente ineccepibili e pilastri portanti della civiltà occidentale, sveglia il principio di realtà che precisa: “Troppo cuochi, guastan la cucina”. Infatti, nel popolo, tutti hanno l’aspirazione e credono di essere Georges Auguste Escoffier e, vogliono imporre i rispettivi manicaretti. L’andazzo è virale. Ma qualcosa non torna. Oppure è il migliore dei mondi possibili? Nessuno vuol tenere presente che: "Est modus in rebus".

    Report

    Rispondi

  • mauro

    20 Aprile 2017 - 09:09

    Scusi Ferrara, come fa a meravigliarsi della critica al Papa essendo per Dio, patria, famiglia? Se per Francesco la patria non deve esistere, la famiglia sì ma sopratutto quella allargata all'intera umanità, e Dio e Allah sono a ben rifletterci intercambiabili .

    Report

    Rispondi

Servizi