Aceto balsamico e globale

I capitali inglesi che hanno acquistato Acetum non sono invasori, ma alleati

Aceto balsamico e globale

Degustazione di aceto balsamico (Foto LaPresse)

L’aceto balsamico parla inglese, l’Aceto di Modena diventa inglese, gli inglesi si bevono l’aceto balsamico, un altro pezzo di made in Italy vola all’estero, un altro gioiello italiano finisce in mano straniera, il tè Twinings si compra Acetum. Sono tutti di questo tono, tra la delusione patriottica e il revanchismo sovranista, i commenti per l’acquisizione di Acetum, il principale produttore di Aceto balsamico di Modena, da parte del colosso Associated British Foods. Si tratta di una spia di quanto sia...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    13 Settembre 2017 - 11:11

    La questione sta tutta in quall'ultomo "se". E se non avessero gli stessi obiettivi?

    Report

    Rispondi

Servizi