Viviamo nella migliore delle epoche possibili, ma meglio non rilassarsi

Il Guardian racconta il movimento neo ottimista e i suoi critici

Viviamo nella migliore delle epoche possibili, ma meglio non rilassarsi

Roma. Il 2016 è stato l’anno migliore della storia dell’umanità, e non c’è dato o statistica che possa negarlo. Da qualsiasi lato si cerchi di analizzare le cose – indici e tassi di mortalità infantile e in età adulta, tasso di malnutrizione, diffusione della povertà, alfabetizzazione e istruzione, riduzione della violenza, scomparsa delle guerre, miglioramento delle condizioni sanitarie, allungamento delle prospettive di vita, diffusione di sistemi di governo democratici, e si potrebbe andare avanti ancora per moltissime righe – tutti i numeri puntano al miglioramento netto. Gli uomini non hanno mai vissuto così tanto e così bene come nel 2016; non ci sono mai state così poche guerre; sempre più persone escono dallo stato di povertà e malnutrizione, la violenza non è più il metodo prediletto per risolvere i problemi. Insomma, nella scala ascendente tra l’inferno e il paradiso, ogni giorno che passa è un piccolo gradino che sale verso il giardino dell’Eden.

 

Questi concetti sono noti e ben pubblicizzati. Uno dei primi a mettere in fila le statistiche su come vanno bene le cose fu lo svedese Hans Rosling in una celebre Ted Talk nel 2007, e da allora i suoi argomenti sono diventati mainstream. Nel 2013, l’Economist ha dedicato al tema una celebre copertina sulla “fine della povertà”; più di recente, all’inizio di quest’anno, Nicholas Kristof ha fatto la facile previsione che il 2017 sarà (di nuovo) l’anno migliore di sempre.

 

Intorno al pensiero è nato un movimento, quello dei New Optimists, che si impegna a divulgare l’idea in base alla quale i trend che vediamo leggendo i giornali sono frutto di una dissonanza cognitiva. Aprire i quotidiani ogni giorno significa leggere di Isis, migranti disperati, disoccupazione rampante e catastrofi ambientali. L’idea che se ne fa il lettore medio, che legge le notizie senza pensare al quadro più ampio, è che il mondo stia andando sempre peggio, e questa impressione è confermata per esempio da un sondaggio di YouGov del 2015, secondo cui il 65 per cento degli americani e l’81 per cento dei francesi ritiene erroneamente che la situazione nel mondo stia peggiorando.

 

Oliver Burkeman del Guardian ha pubblicato un interessante long read dedicato ai neo ottimisti e intervista uno di loro, Johan Norberg, secondo cui la nostra tendenza a sopravvalutare le cattive notizie ha un’origine evolutiva: millenni fa, sottovalutare un segnale inquietante come il richiamo di un predatore poteva significare perdere la vita. I neo ottimisti, dunque, vogliono sconfiggere il subconscio pessimista degli uomini delle caverne e rimettere il genere umano sulla scala ascendente che ha inconsapevolmente percorso negli ultimi due-trecento anni.

 

L’intento è nobile e suffragato dai dati ma, come ricorda Burkeman, il concetto di ottimismo è più rischioso di quello che sembra. Essere ottimista non significa solo constatare l’oggettività dei miglioramenti già avvenuti, ma predire che ce ne saranno altri. Non significa soltanto appurare la bontà della ricetta usata finora, ma, almeno implicitamente, convincersi che la stessa ricetta può continuare ad andar bene senza cambiamenti.

 

Qui inizia il dibattito tra i neo ottimisti e quelli che potremmo chiamare – se solo il termine non fosse già appalto delle arti figurative – i neo realisti, gli uni sostenitori del fatto che il mondo si debba svegliare dal suo torpore pessimista e apprezzare i progressi che l’umanità ha compiuto, e gli altri convinti che è meglio tenersi un po’ di pessimismo ingiustificato piuttosto che rischiare di adagiarsi su un ottimismo compiacente. Burkeman cita per esempio il fatto che i neo ottimisti basano le loro previsioni sul progresso umano degli ultimi 200 anni quando invece, guardando all’intera storia dell’umanità lunga 200 mila anni, si potrebbe desumere che i periodi di prosperità e pace sono brevi e fragilissimi. Nota inoltre come l’ottimismo abbia spesso portato a cocenti delusioni, ultima quella degli europei della Belle Epoque, convinti, alla vigilia della Grande guerra, che i conflitti bellici fossero stati estirpati dal mondo. Il professore di Cambridge David Runciman, autore di un libro intitolato “The Confidence Trap”, dice al Guardian che, per esempio, la nostra fede nella solidità delle democrazia si è dimostrata in questi ultimi anni più fragile del previsto, come l’elezione di Donald Trump e il voto sulla Brexit hanno dimostrato.

Insomma, se il fatto che viviamo nella migliore delle epoche possibili è un dato dimostrato, il neo ottimismo che ne deriva è una teoria politica. Sta agli uomini, al progresso e alle riforme che saranno in grado di attuare, dimostrare che è la teoria giusta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    31 Luglio 2017 - 08:08

    Tante chiacchere per dire : ' Piove governo ladro ,non piove governo ladro'. A Roma in questo momento non piove e Raggi la Pulsella de quartiere ci salva.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    31 Luglio 2017 - 08:08

    Tante chiacchere per dire : ' Piove governo ladro ,non piove governo ladro'. A Roma in questo momento non piove e Raggi la Pulsella de quartiere ci salva.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    30 Luglio 2017 - 14:02

    Sono un ottimista razionale, cioè un ottimista che sa benissimo che il miglioramento dello stato umano può anche avere momenti di involuzione. L'umanità è come un recipiente con un apporto di acqua ma anche con delle perdite, tuttavia inferiori alla prima, per cui il risultato risulta pur sempre in crescita. Persino le due guerre mondiali seppur tremende hanno mostrato fattori positivi che hanno portato al più lungo e benefico periodo di pace e di crescita in Europa e nel mondo occidentale. La globalizzazione di cui i pessimisti si lamentano ogni giorno è stata foriera di un incredibile risultato positivo dal momento che in pochi anni ha portato ad un relativo benessere più di tre miliardi di persone che prima vivevano nell'indigenza quasi totale. Non parliamo poi della medicina che proprio dopo le due guerre ha fatto passi giganteschi in quasi tutti i settori. Noi italiani ci lamentiamo sempre anche se abbiamo uno dei migliori sistemi sanitari e siamo la nazione più longeva. Ecc. ...

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    30 Luglio 2017 - 10:10

    L'ottimismo è suffragato dai dati, ma questo che importa? Le cose potrebbero cambiare, come da Roma antica al Medio Evo. E - questo sì che è importante - non significa affatto che la buona ricetta debba contin. a funzionare. Se stesse accadendo proprio oggi! Metti la democrazia: non ci crediamo più, se abbiamo votato Trump e Brexit (sempre il dente duole), a Cambridge la dem non è un metodo ma è reale se l'esito piace al docente o al giornalista. Poichè si tratta di tratta (ma non è detto) di gente con QI medio o superiore, deduce trattarsi di malafede e/o propaganda e/o rabbia obnubilante e/o almeno wishful thinking. Ma ristretto, questo thinking universitario: guerre, dittature, malattie, vita media, nutrizione, abiti, mobilità, fatica sul lavoro, elettrodomestici.: possono colpire noi commoner (anzi una minoranza di). Che non capiamo essere l'era del precipizio del mondo è in atto. È iniziato nel 2016, con Brexit e Trump! Parola di 'realista'.

    Report

    Rispondi

Servizi