Banche italiane e l'interesse di Schäuble

Senza stabilità grazie ai soccorsi pubblici non si parlerebbe di uscita dal Qe

Banche italiane e l'interesse di Schäuble

Foto LaPresse

Fino a ieri i politici tedeschi – sia alleati sia avversari della cancelliera Angela Merkel – sembravano gareggiare tra loro nell’offrire ai media domestici critiche puntute ai salvataggi bancari realizzati in Italia negli ultimi mesi con l’apporto di capitali pubblici, quindi in deroga al principio cardine del bail-in, ovvero risparmiare il fardello ai contribuenti. Fino a ieri, appunto, perché le dichiarazioni positive del ministro delle Finanze, Wolfgang Schäuble, potrebbero modificare la percezione tedesca durante gli ultimi mesi di campagna elettorale...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi