C'è l'atavica condanna del libero mercato dietro all'immobilismo italiano

Corporazioni e anarchia. Le ragioni dello scarso riformismo e della gestazione del ddl Concorrenza 

C'è l'atavica condanna del libero mercato dietro all'immobilismo italiano

Manifestazione degli ambulanti e dei tassisti a Piazza Montecitorio. LaPresse/Fabrizio Corradetti

Le incredibili vicissitudini della legge sulla concorrenza la dicono lunga sulla mentalità che caratterizza le nostre forze politiche (e sindacali). Si leggeva sulla Stampa di venerdì 23 giugno: “Si allontana l’approvazione della legge sulla concorrenza; ieri la Commissione finanze e attività produttive della Camera ha dato il via libera, ma introducendo quattro modifiche. Il che rende necessario, dopo quasi due anni e mezzo di gestazione, un quarto passaggio del testo al Senato”. Due anni e mezzo di gestazione, e non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi